Religione

285.000Popolazione

431 Km2Superficie

Leggi il Rapporto
keyboard_arrow_down

homekeyboard_arrow_rightBarbados

Quadro giuridico relativo alla libertà religiosa ed effettiva applicazione

Nel suo preambolo, la Costituzione[1] proclama che le Barbados sono una nazione sovrana che riconosce la supremazia di Dio, la dignità della persona umana e il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali.

La Costituzione garantisce la protezione dei diritti e delle libertà fondamentali di ogni persona, nel rispetto dei diritti e delle libertà altrui e dell’interesse pubblico. Ciò include, tra l’altro, le libertà di coscienza, espressione, riunione e associazione, senza distinzione di razza, luogo di origine, opinioni politiche, colore, credo o sesso (articolo 11).

Il diritto di obiezione di coscienza al servizio militare è riconosciuto (articolo 14, paragrafo 3, comma C).

Nessuno può essere ostacolato nel godimento della libertà di coscienza, che include le libertà di pensiero e religione, la libertà di cambiare religione o credo, di manifestare e diffondere la propria fede attraverso l’adorazione, l’insegnamento, la pratica e l’osservanza, da soli o con altri, in pubblico o in privato (articolo 19, paragrafo 1).

Ogni comunità religiosa ha il diritto di gestire e mantenere, a proprie spese, i propri istituti educativi (articolo 19, paragrafo 2).

Nessuna comunità o denominazione religiosa deve essere impedita dal fornire istruzione religiosa (articolo 19, paragrafo 3).

A nessuno sarà richiesto di prestare un giuramento che contravvenga alla sua religione o al suo credo (articolo 19, paragrafo 5).

Ad eccezione che dietro esplicito consenso (o a quello del tutore in caso di persone di età inferiore ai 21 anni di età), a nessuna persona che frequenta un istituto educativo sarà richiesto di ricevere un’istruzione religiosa, oppure di partecipare o assistere ad una cerimonia religiosa di una fede diversa da quella che professa (articolo 19, paragrafo 4).

La “legge sull’educazione”, capitolo 41[2]regola il sistema educativo nelle Barbados. La norma afferma che un bambino in età di obbligo scolastico può essere esonerato dalla frequenza obbligatoria ai corsi di religione per diversi motivi, tra cui l’osservanza religiosa (articolo 42, paragrafo 1, comma D). I genitori che desiderano che il loro figlio sia esentato dall’obbligo di frequenza devono richiedere un certificato di esenzione (articolo 42, paragrafo 2) all’autorità competente in base al motivo dell’esenzione (articolo 42, paragrafo 3, comma B).

Incidenti

Nell’ottobre 2016, l’ex parlamentare Hamilton Lashley ha dichiarato: «Per anni nelle Barbados, i rastafariani sono stati definiti come criminali, gangster, e praticamente tutto il male che c’è sotto il sole. I diritti dei rastafariani in questo Paese sono stati violati sin dagli inizi»[3]. La questione è stata sollevata durante una discussione sui diritti di una coppia rastafariana di educare i propri figli in casa. I genitori ritengono di essere stati discriminati.

Alla fine del 2016, durante una sessione del Parlamento delle Barbados, il politologo Tennyson Joseph ha affermato che l’insegnamento religioso nelle scuole del Paese dovrebbe terminare ed essere sostituito da un programma di studi laico. Lo studioso ha anche difeso il diritto dei genitori di educare i propri figli liberamente[4].

Prospettive per la libertà religiosa

Durante il periodo analizzato da questo rapporto, il diritto di una coppia rastafariana di educare i propri figli in casa è divenuto un argomento molto discusso dall’opinione pubblica. La legge consente l’istruzione a casa per motivi religiosi.

Tra il 2016 e il 2018 si è osservato un certo grado di discriminazione, il che suggerisce che la libertà religiosa è stata meno rispettata rispetto al periodo precedente.

Note / fonti

[1] Tutti gli articoli citati sono tratti da Costituzione di Barbados del 1966 con emendamenti fino al 2007, constituteproject.org,  https://www.constituteproject.org/constitution/Barbados_2007.pdf?lang=en, (consultato il 31 marzo 2018).

[2] Tutti gli articoli citati sono tratti da Legge sull’Educazione del 1997 (Capitolo 41), Governo delle Barbados, http://butbarbados.com/images/Education%20Act%20&%20Regulations.pdf, (consultato il 5 marzo 2018).

[3] Colville Mounsey, “School case is Rasta discrimination – Lashley’, Barbados Today, 18 ottobre 2016, https://www.luovalabs.com/projects/bdt/?p=177696, (consultato il 31 marzo 2018).

[4] “Lose the Religion! UWI Lecturer Says Time To Scrap Religious Studies In Schools”, Caribbean 360, 20 ottobre2016, http://www.caribbean360.com/news/lose-religion-uwi-lecturer-advises-religious-studies-scrapped-schools, (consultato il 31 marzo2018).

Riguardo a noi

Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACN) è una Fondazione pontificia, Nata nel 1947, ogni anno sostiene più di 6mila progetti in oltre 140 Paesi nel mondo. Attraverso tre pilastri – informazione, preghiera e azione – ACN aiuta i cristiani ovunque essi siano perseguitati, oppressi o in difficoltà.