Religione

31.774.000Popolazione

1.285.216 Km2Superficie

Leggi il Rapporto
keyboard_arrow_down

homekeyboard_arrow_rightPerú

Quadro giuridico relativo alla libertà religiosa ed effettiva applicazione

Il preambolo della Costituzione invoca «Dio onnipotente» [1]. Secondo l’articolo 2 (3), ognuno ha diritto alle «libertà di coscienza e di religione, in modo individuale o collettivo. Nessuno può essere perseguitato sulla base delle sue idee o credenze. Non vi è crimine di opinione. L’esercizio pubblico di ogni fede è libero, nella misura in cui non costituisce un’offesa contro la morale, o un disturbo dell’ordine pubblico». Allo stesso modo, in base all’articolo 2 (2), vi è il diritto «all’uguaglianza davanti alla legge» e, con specifico riferimento alla libertà di religione, ciò significa che «nessuno sarà discriminato sulla base della […] religione». Tutti hanno anche, secondo l’articolo 2 (18), il diritto di mantenere private le sue convinzioni religiose.

Secondo l’articolo 50, lo Stato «riconosce la Chiesa cattolica come un elemento importante nella formazione storica, culturale e morale del Perù e garantisce alla Chiesa la sua cooperazione». Tuttavia, la Chiesa è «indipendente» dallo Stato e «autonoma». Queste disposizioni fanno eco all’accordo firmato con la Santa Sede nel luglio 1980, in base al quale la Chiesa cattolica peruviana gode di piena indipendenza, autonomia e riconoscimento legale. L’accordo con la Santa Sede decreta il proseguimento del sistema di sussidi per la Chiesa cattolica, oltre a prevedere esenzioni fiscali [2]. Ai sensi dell’articolo 50 della Costituzione, lo Stato peruviano «rispetta anche altre denominazioni con le quali può stabilire forme di collaborazione» [3].

Ai sensi dell’articolo 14 della Costituzione, «l’educazione religiosa è offerta in conformità con la libertà di coscienza» e l’istruzione più in generale è impartita «in conformità con i principi costituzionali». La legge n. 29.635 sulla libertà religiosa ribadisce ed elabora alcune delle garanzie costituzionali.

Esiste un diritto fondamentale alla libertà di religione. Ciò include, ai sensi dell’articolo 1, il diritto della persona a praticare la propria religione in pubblico o in privato, a condizione che non interferisca con i diritti degli altri. Secondo l’articolo 2, la discriminazione per motivi religiosi è vietata e la diversità delle entità religiose è riconosciuta. La libertà religiosa include professare liberamente le proprie credenze religiose, cambiare religione o abbandonarla in qualunque momento; praticare il culto individualmente o collettivamente, in pubblico o in privato; compiere atti di culto; ricevere assistenza religiosa; scegliere l’educazione religiosa e morale secondo le
proprie convinzioni; esprimersi pubblicamente per scopi religiosi; celebrare le festività e ottenere la concessione di giorni di riposo in occasione delle festività della propria religione; facendo un giuramento secondo le proprie convinzioni – in base all’articolo tre -o astenendosi dal farlo; essendo sepolti secondo le tradizioni e i riti della propria religione. Ai sensi dell’articolo 4, è
riconosciuto il diritto all’obiezione di coscienza. In base all’articolo 6, le entità religiose godono del riconoscimento giuridico civile, possono nominare i propri ministri di culto, diffondere e propagare la loro fede e creare fondazioni e associazioni per scopi religiosi, educativi e sociali. L’articolo 8 afferma che le istituzioni educative devono rispettare il diritto degli studenti di essere esenti dal frequentare i corsi di religione. I gruppi religiosi inclusi nel registro creato dal Ministero della giustizia sono entità giuridiche di diritto privato e hanno lo status di organizzazioni senza fini di lucro.

Incidenti

Nell’attuale periodo di riferimento non sono state segnalate violazioni significative della libertà religiosa e vi sono indicazioni di una maggiore tolleranza religiosa.

Nel luglio 2016 sono stati adottati i regolamenti di attuazione della “legge n. 29.635 sulla libertà religiosa”. È stato inoltre istituito il Registro delle entità religiose al fine di facilitare le relazioni tra lo Stato e tali entità [4].

Nel dicembre 2016 il Ministero della Giustizia e dei Diritti umani, attraverso la Direzione degli affari interconfessionali, ha istituito un gruppo di lavoro sulla libertà religiosa in America Latina, con l’obiettivo di promuovere il pluralismo e la libertà di culto [5].

Nel febbraio 2017 la Corte costituzionale ha emesso una sentenza in merito alla proprietà della Chiesa cattolica. Anche se la proprietà è stata dichiarata parte del patrimonio culturale della nazione, è stato anche stabilito che rimane proprietà privata e che la Chiesa non è tenuta a fornire informazioni al riguardo [6].

Nel febbraio 2017, in un incontro con il presidente della Conferenza episcopale cattolica del Perù, il Ministro dell’Istruzione ha osservato che il programma nazionale di istruzione di base del 2017 non prevede di ridurre il numero di ore assegnate all’educazione religiosa [7].

Nell’aprile 2017 alcuni politici hanno presentato una proposta di legge volta a modificare alcuni articoli della Costituzione in modo che questa esprima più chiaramente la natura laica dello Stato [8].

Nel mese di giugno 2017 è stato presentato un disegno di legge che avrebbe reso l'Immacolata della Puerta de Otuzco, patrona della regione di La Libertad. La proposta mirava a incoraggiare e consolidare i costumi religiosi e la devozione popolare verso l’immagine della Vergine, nonché a rafforzare l’identità storica, religiosa e culturale della regione [9].

In occasione dell’anniversario dell’inizio della Riforma protestante, nell’ottobre 2017, il Congresso peruviano ha approvato una legge per rendere il 31 ottobre la ‘Giornata nazionale delle Chiese cristiane evangeliche in Perù’[10].

Nel gennaio 2018, papa Francesco ha visitato il Perù, ricevendo un’accoglienza calorosa. A Trujillo, il Pontefice ha officiato una messa alla quale hanno partecipato quasi un milione di persone provenienti da diverse parti del Paese. A Lima, secondo quanto riferito, oltre 1,5 milioni di persone sono venute a vederlo. Il Pontefice ha chiesto speranza, uguaglianza e solidarietà [11].

Nel febbraio 2018 è stato presentato al Congresso un disegno di legge per emendare il Codice penale in modo che alcuni specifici attacchi verbali nei confronti della religione e atti di distruzione di luoghi di culto o di immagini sacre fossero criminalizzati in quanto reati contro la libertà di religione e di culto [12].

Nell’aprile 2018 il Forum delle popolazioni indigene e il Forum interreligioso delle Americhe si sono tenuti ai margini dell’VIII Vertice delle Americhe. Ai due appuntamenti hanno partecipato circa 300 rappresentanti di popoli indigeni dell’America Latina. Nel forum interreligioso, i partecipanti hanno convenuto che l’educazione deve essere basata sui valori di verità, onestà, fiducia e rispetto [13].

Molte organizzazioni sono attive nel dialogo ecumenico e interreligioso, tra cui il Consiglio interreligioso del Perù e il CREAS, un’organizzazione cristiana ecumenica e multidisciplinare regionale [14].

Prospettive per la libertà religiosa

Durante il periodo in esame non sono stati segnalati casi di intolleranza. Misure legali sono state adottate per promuovere la libertà religiosa. Alla luce di ciò, la situazione della libertà religiosa è migliorata e le prospettive future appaiono positive.

Note / fonti

[1] Costituzione del Perù del 1993 con emendamenti fino al 2009, constituteproject.org,
https://www.constituteproject.org/constitution/Peru_2009.pdf?lang=en, (consultato il 14 maggio 2018).

[2] Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica del Perù del 1980,
http://www.vatican.va/roman_curia/secretariat_state/archivio/documents/rc_seg-st_19800726_santa-sede-peru_sp.html, (consultato il 3 aprile 2018).

[3] Legge 29635 sulla libertà religiosa (Perú), arts.1,2,3,4,6,8,
https://derechoperu.wordpress.com/2010/12/21/ley-29635-ley-de-libertad-religiosa/, (consultato il 3 aprile2018).

[4] Regolamento della legge n. 29635 della libertà religiosa
(Perù),http://busquedas.elperuano.pe/normaslegales/aprueban-el-reglamento-de-la-ley-no-29635-ley-de-libertad-r-decreto-supremo-n-006-2016-jus-1406040-3/, (consultato il 3 aprile2018); ‘Minjus aprobó Reglamento a la Ley de Libertad Religiosa’, Instituto Pacífico, 19luglio 2016, http://actualidadlegal.institutopacifico.com.pe/normas-importantes-del-dia/derechos-humanos/minjus-aprobo-reglamento-a-la-ley-de-libertad-religiosa-noticia-2820.html, (consultato il 16marzo2018).

[5] ‘Evento: Mesa de trabajo internacional sobre libertad religiosa en América Latina’, Ministero della giustizia e dei diritti umani,7 dicembre 2016, https://www.minjus.gob.pe/agenda/despacho-
ministerial/evento-mesa-de-trabajo-internacional-sobre-libertad-religiosa-en-america-latina/, (consultato il 25 aprile 2018); ‘CREAS participa en Mesa de Trabajo Internacional sobre Libertad Religiosa’, CREAS, http://creas.org/creas-participa-mesa-trabajo-foro-internacional-libertad-religiosa/, (consultato il 25 aprile 2018).

[6] ‘Perú’, Sentencia del Tribunal Constitucional de 21 de febrero de 2017, BoletínJurídico del
Observatorio de libertadreligiosa de América Latina y El Caribe, novembre 2017, p. 124,
http://derechoyreligion.uc.cl/es/docman/boletin-juridico/2017-1/1229-boletin-juridico-noviembre-2017/file, (consultato il 17 marzo 2018).

[7] ‘Curso de religión se mantendrá en los colegios públicos’, La República, 7 febbraio 2017,
http://larepublica.pe/sociedad/1013474-curso-de-religion-se-mantendra-en-los-colegios-publicos,
(consultato il 12 marzo 2018).

[8] ‘Perú’, B. Proyecto de Ley que ‘Propone modificar los artículos 6,9,13,43 y 50 de la Constitución
Política del Perú para explicitar el principio constitucional de Laicidad del Estado’ presentado ante el Congresopor el partido Frente Amplio por Justicia, Vida y Libertad, Boletín Jurídico del Observatorio de libertadreligiosa de América Latina y El Caribe, May 2017, p. 69,
http://derechoyreligion.uc.cl/es/docman/boletin-juridico/2017-1/1081-boletin-juridico-mayo-2017/file, (consultato il 17 marzo 2018).

[9] ‘Proyecto de Ley que declara a la Inmaculada Virgen de la Puerta de Otuzco como patrona de la
religiosidad y la fecatólicaen la región La Libertad’, Congreso de la República del Perú, 8 giugno 2017, http://www.leyes.congreso.gob.pe/Documentos/2016_2021/Proyectos_de_Ley_y_de_Resoluciones_Legis lativas/PL0148820170608.pdf, (consultato il 17 marzo 2018).

[10] ‘Ley que declara el 31 de octubre de cada año como el día nacional de las Iglesias cristianas evangélicas en El Perú’, Diario Oficial del Bicentenario El Peruano, 20 ottobre 2017,
http://busquedas.elperuano.pe/normaslegales/ley-que-declara-el-31-de-octubre-de-cada-ano-como-el-dia-nac-ley-n-30678-1581987-1/, (consultato il 17 marzo 2018).

[11] ‘Trujillo: Estiman que un millón de personas estuvieron en misa oficiada por Francisco’, La República, 22 gennaio 2018, http://larepublica.pe/en-portada/1174013-estiman-que-un-millon-de-personas-estuvieron-en-misa, (consultato il 17 marzo 2018); A. Torres, ‘Papa Francisco: Los jóvenes no son el futuro, sino el presente del Perú’, La República, 22 gennaio 2018, http://larepublica.pe/sociedad/1174072-papa-francisco-los-jovenes-no-son-el-futuro-sino-el-presente-del-peru, (consultato il 17 marzo 2018).

[12] ‘Proyecto de ley: Ley que incorporaen el Código Penal el delito contra la libertad religiosa y de culto’, 21 febbraio 2018,
http://www.leyes.congreso.gob.pe/Documentos/2016_2021/Proyectos_de_Ley_y_de_Resoluciones_Legis lativas/PL0245020180221.pdf, (consultato il 16 marzo 2018).

[13] E. Núñez, ‘Los indígenas a las Américas: “Nuestra ‘casa común’ está en peligro”’, Aleteia, 17 aprile 2018,https://es.aleteia.org/2018 April 17/los-indigenas-a-las-americas-nuestra-casa-comun-esta-en-peligro/, (consultato il 25 aprile 2018).

[14] ‘En defensa de la institucionalidad democrática y contra la corrupción’, Consejo Interreligioso del Perú– Religiones por la Paz (Facebook), 27 novembre 2017, https://www.facebook.com/Consejo-Interreligioso-del-Per%C3%BA-Religiones-por-la-Paz-1671148666511236/, (consultato il 25 aprile 2018); ‘CREAS participaen Mesa de Trabajo Internacional sobre Libertad Religiosa’, CREAS,
http://creas.org/creas-participa-mesa-trabajo-foro-internacional-libertad-religiosa/, (consultato il 25 aprile 2018).

Riguardo a noi

Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACN) è una Fondazione pontificia, Nata nel 1947, ogni anno sostiene più di 6mila progetti in oltre 140 Paesi nel mondo. Attraverso tre pilastri – informazione, preghiera e azione – ACN aiuta i cristiani ovunque essi siano perseguitati, oppressi o in difficoltà.