Religione

5.524.000Popolazione

338.440 Km2Superficie

Leggi il Rapporto
keyboard_arrow_down

homekeyboard_arrow_rightFinlandia

Quadro giuridico relativo alla libertà religiosa ed effettiva applicazione

La Costituzione garantisce le libertà di religione e di coscienza, che includono il diritto di professare e praticare una religione, di esprimere le proprie convinzioni e appartenere – o non appartenere – a una comunità religiosa [1] . È vietata qualunque discriminazione in base alla religione [2] . Le denunce di discriminazione possono essere presentate al Difensore civico contro le discriminazioni [3] .

Il codice penale della Finlandia proibisce la «violazione della sacralità della religione», e incluse il reato di blasfemia [4] .

La legge sulla libertà di religione regola il riconoscimento delle comunità religiose. I gruppi religiosi riconosciuti possono beneficiare di sovvenzioni pubbliche. Le comunità religiose registrate includono la Chiesa evangelica luterana di Finlandia, la Chiesa ortodossa della Finlandia e altre comunità come la Chiesa cattolica, i Testimoni di Geova, la Chiesa evangelica libera e gli avventisti del settimo giorno. Le religioni possono essere praticate anche senza registrazione presso lo Stato [5] .

La Chiesa evangelica luterana di Finlandia ha uno status speciale come istituzione di diritto pubblico [6] . I membri di questa Chiesa o della Chiesa ortodossa devono pagare una tassa per il culto oppure cancellare formalmente la loro appartenenza. Entrambe le Chiese devono mantenere i propri cimiteri e possono registrare nascite, matrimoni e decessi per conto dello Stato [7] .

Gli studenti appartenenti ad una comunità religiosa riconosciuta ricevono un’educazione religiosa in accordo con le loro convinzioni, mentre gli altri seguono corsi di etica. Cantare degli inni tradizionali durante le celebrazioni scolastiche e in occasione del Natale non è considerata una pratica religiosa ed è quindi permesso per preservare la cultura finlandese. Nel Paese vi è un modesto numero di scuole religiose private [8] .

Esistono limitazioni legali alla macellazione degli animali, ma la legge consente alcuni tipi di macellazione secondo riti religiosi, a condizione che gli animali vengano storditi e uccisi allo stesso tempo. Tuttavia i leader delle comunità musulmana ed ebraica continuano a opporsi alle restrizioni in materia [9] .

Sebbene la circoncisione maschile sia legale, le linee guida del Ministero degli affari sociali e della salute scoraggiano tale pratica e il governo non finanzia la procedura. Le linee guida stabiliscono che la circoncisione deve essere eseguita soltanto da medici, che i genitori del bambino devono essere avvisati dei rischi dell’intervento e che non dove essere eseguita su ragazzi abbastanza grandi da comprendere, senza che questi abbiano espresso il loro consenso. Le comunità ebraica e musulmana sono in disaccordo con le linee guida e proseguono tuttora i colloqui con il governo [10] .

L’obiezione di coscienza al servizio militare per motivi religiosi è permessa, a condizione che gli obiettori completino il servizio civile alternativo. Il mancato ottemperamento di tale dovere può comportare la reclusione. Soltanto i Testimoni di Geova sono esenti dal servizio militare e da quello civile [11].

Incidenti

Per quanto riguarda le segnalazioni di incidenti riguardanti le minoranze religiose, va notato che, poiché etnia e religione sono spesso strettamente collegate, può essere difficile determinare se un incidente è motivato da razzismo, xenofobia o intolleranza religiosa.

Il database delle Segnalazioni sui crimini d’odio del 2016 fornisce dati ufficiali relativi a 29 crimini motivati da pregiudizi anticristiani (14 aggressioni fisiche, 12 minacce / comportamenti minacciosi, due episodi di danni alle proprietà e uno non specificato) [12] .

La Chiesa di Temppeliaukio nel centro di Helsinki è stata l’obiettivo di un attacco terroristico sventato nel giugno 2017. In seguito all’attentato, sono state erette barriere di cemento a protezione della chiesa [13] .

Il database delle Segnalazioni sui crimini d’odio fornisce cifre ufficiali relative a 10 crimini motivati dall’antisemitismo (un’aggressione fisica, 6 minacce / comportamenti minacciosi e 3 danni alle proprietà) [14] .

Nel novembre 2017 un tribunale finlandese ha sciolto il Movimento di Resistenza
Nordica, un gruppo legato a violente attività razziste, dichiarando che, a causa della gravità delle sue azioni, il movimento non aveva diritto alla tutela della libertà di parola [15] . Il Movimento di Resistenza Nordica aveva diffuso tramite l’homepage del proprio sito delle dichiarazioni a supporto della violenza religiosamente motivata e pubblicato una storia che negava l’Olocausto [16] .

La comunità ebraica di Helsinki ha lanciato una campagna per raccogliere 15.000 euro in 48 ore a novembre 2017 al fine di finanziare quanto necessario alla propria sicurezza, ovvero 200.000 euro l’anno [17] .

Secondo il database delle Segnalazioni sui crimini d’odio, 67 reati sono stati motivati da pregiudizi anti-islamici (18 aggressioni fisiche, 42 minacce / comportamenti minacciosi, 4 episodi di danni alle proprietà e 3 non specificati) [18].

I membri di Suomi Ensin (Finlandia Prima) hanno manifestato contro la celebrazione
dell’Eid avvenuta in un centro commerciale a Helsinki nel luglio del 2016. Contro-manifestanti hanno contrastato la protesta al grido di «no al razzismo» [19] .

Nel novembre 2016, l’ex presidente della sezione giovani del Partito finlandese è stato accusato di agitazione etnica e di violazione della sacralità della religione a causa di una serie di messaggi anti-islamici postati su Facebook [20] . Diversi altri funzionari del partito finlandese sono stati condannati per reati relativi all’incitamento all’odio contro i musulmani [21] .

I piani per costruire una Grande Moschea a Helsinki sono stati sospesi nel dicembre 2017 dopo che il Consiglio per lo sviluppo urbano della città aveva respinto l’offerta della comunità islamica per l’acquisto dell’appezzamento di terra su cui sarà costruito il luogo di culto. Di conseguenza, gli architetti hanno ritirato il progetto che era già all’esame da parte del consiglio comunale. La costruzione della moschea è stata controversa sin dall’inizio, a causa delle preoccupazioni sollevate dai finanziamenti elargiti dalla Fondazione Islamica del Bahrein e anche dai dubbi sul fatto che la moschea dovesse essere gestita da musulmani finlandesi o da imam stranieri [22] .

Prospettive per la libertà religiosa

Sembra che durante il periodo in esame non vi siano state nuove significative restrizioni governative alla libertà religiosa, né maggiori limitazioni alla stessa. Tuttavia in Finlandia pare esservi un aumento del rischio di intolleranza sociale ai danni delle religioni minoritarie, alimentato da sentimenti anti-immigrati.

Note / fonti

[1] Costituzione finlandese del 1999 con emendamenti fino al 2011, Capitolo 2, Sezione 11,
constituteproject.org, https://www.constituteproject.org/constitution/Finland_2011.pdf?lang=en, (consultato il 24 febbraio 2018).

[2] Ibid., Capitolo 2, Sezione 6.

[3] Ufficio del Difensore civico anti-discriminazione, Ufficio Relazioni Esterne, Ministero
della Giustizia (Finlandia), https://www.syrjinta.fi/web/en/customer-service, (consultato
il 24 febbraio 2018).

[4] Ufficio della democrazia, dei diritti umani e del lavoro, “Finlandia”, Rapporto 2016
sulla libertà religiosa internazionale, Dipartimento di Stato statunitense,
https://www.state.gov/j/drl/rls/irf/religiousfreedom/index.htm#wrapper, (consultato il 24
febbraio 2018).

[5] “Libertà Religiosa”, Affari Religiosi, Ministero dell’Educazione e della Cultura,
http://minedu.fi/en/freedom-of-religion, (consultato il 24 febbraio 2018).

[6] Ibid.

[7] Ufficio della democrazia, dei diritti umani e del lavoro, op. cit.

[8] “Comunità Religiose”, Affari Religiosi, Ministero dell’Educazione e della Cultura,
http://minedu.fi/en/religious-communities, (consultato il 24 febbraio 2018).

[9] Ufficio della democrazia, dei diritti umani e del lavoro, op. cit.

[10] Ibid.

[11] Ibid.

[12] Ufficio per le istituzioni democratiche e i diritti umani, 2016 Segnalazioni dei crimini
d’odio – Finlandia, Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa,
http://hatecrime.osce.org/finland, (consultato il 18 febbraio 2018).

[13] “Finnish police investigated terror threat on Sunday in Helsinki”, Reuters, 19 giugno
2017, https://www.reuters.com/article/us-finland-security/finnish-police-investigated-
terror-threat-on-sunday-in-helsinki-idUSKBN19A2SN, (consultato il 2 febbraio 2018).

[14] Ufficio per le istituzioni democratiche e i diritti umani, op. cit.

[15] “Finnish court bans Neo-Nazi movement”, Yle Uutiset, 30 novembre 2016,
https://yle.fi/uutiset/osasto/news/finnish_court_bans_neo-nazi_movement/9956449,
(consultato il 2 febbraio 2018).

[16] Ufficio della democrazia, dei diritti umani e del lavoro, op. cit.

[17] E. Tessieri, “Jewish Community of Helsinki: Hate speech is directly responsible for the
rise of anti-Semitism in Finland”, Migrant Tales, 28 novembre 2017, http://www.migranttales.net/jewish-community-of-helsinki-hate-speech-is-directly-
responsible-for-the-rise-in-anti-semitism-in-finland/, (consultato il 2 febbraio 2018).

[18] Ufficio per le istituzioni democratiche e i diritti umani, op. cit.

[19] T. Oksanen, “Demonstration vid köpcentret It is – polisen lugnade läget”, YLE, 6 luglio
2016, https://svenska.yle.fi/artikel/2016/07/06/demonstration-vid-kopcentret-itis-polisen-
lugnade-laget, (consultato il 2 febbraio 2018).

[20] A. Teivainen, “Finns Party’s Tynkkynen charged with ethnic agitation”, Helsinki
Times, 14 novembre 2016, http://www.helsinkitimes.fi/finland/finland-
news/domestic/14351-finns-party-s-tynkkynen-charged-with-ethnic-agitation.html,
(consultato il 2 febbraio 2018).

[21] “Three Finns Party politicians in court over online hate speech”, Yle Uutiset, 4 gennaio
2017, https://yle.fi/uutiset/osasto/news/three_finns_party_politicians_in_court_over_online_hat
e_speech/9388039, (consultato il 2 febbraio 2018).

[22] “Mirage: Why Helsinki’s “Grand Mosque” Disappeared”, News Now Finland, 18
dicembre 2017, http://newsnowfinland.fi/finland-international/mirage-why-helsinkis-
grand-mosque-disappeared, (consultato il 2 febbraio 2018).

Riguardo a noi

Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACN) è una Fondazione pontificia, Nata nel 1947, ogni anno sostiene più di 6mila progetti in oltre 140 Paesi nel mondo. Attraverso tre pilastri – informazione, preghiera e azione – ACN aiuta i cristiani ovunque essi siano perseguitati, oppressi o in difficoltà.