Religione

16.385.000Popolazione

257.217 Km2Superficie

Leggi il Rapporto
keyboard_arrow_down

homekeyboard_arrow_rightEcuador

Quadro giuridico relativo alla libertà religiosa ed effettiva applicazione

Il preambolo della Costituzione afferma che il popolo dell’Ecuador «riconosce le nostre radici millenarie […], celebra il Pacha Mama (Madre Terra) […] e invoca [e] il nome di Dio e riconosce le nostre diverse forme di religione e spiritualità» [1]. Nell’articolo 1, il Paese è descritto come uno «Stato interculturale, multinazionale e secolare ‘. Lo Stato, secondo l’articolo 3 (4), garantisce «l’etica laica come base per il servizio pubblico e il sistema normativo ». Secondo l’articolo 11, paragrafo 2, «nessuno deve essere discriminato per ragioni di identità culturale, […] religione [o] ideologia».

Ai sensi dell’articolo 66, paragrafo 8, lo Stato riconosce e garantisce «il diritto delle persone […] di praticare, mantenere, cambiare, [o] professare in pubblico o privato la propria religione o convinzioni e di diffonderli individualmente o collettivamente, con i vincoli imposti dal rispetto dei diritti degli altri». In base allo stesso articolo, lo Stato protegge anche «le pratiche religiose volontarie e l’espressione di coloro che non professano alcuna religione». Ai sensi dell’articolo 19, «è vietato trasmettere annunci pubblicitari che istighino […] all’intolleranza religiosa o politica».

L’articolo 57 prevede che le comunità indigene abbiano «il diritto collettivo […] di sostenere, proteggere e sviluppare la conoscenza collettiva, la loro scienza, tecnologia e saggezza ancestrale […], il diritto di restaurare, promuovere e proteggere i luoghi rituali e sacri» e «che la dignità e la diversità delle loro culture [e] tradizioni si riflettano nell’educazione pubblica e nei media».

L’articolo 66, paragrafo 11 prevede «il diritto alla riservatezza delle proprie convinzioni [inclusa] la propria appartenenza religiosa». Nessuno è obbligato a «fare dichiarazioni su queste convinzioni».

Secondo l’articolo 28, «l’educazione pubblica deve essere universale e laica». L’articolo 29 dichiara che i genitori o i tutori sono liberi di scegliere l’educazione dei loro figli secondo le proprie convinzioni. In base al Codice dei bambini e degli adolescenti, lo Stato, nell’articolo 61, garantisce il diritto alle libertà di pensiero, coscienza e religione di bambini e adolescenti. L’articolo 34 garantisce il diritto delle persone di preservare e sviluppare la loro identità e i loro valori spirituali, culturali e religiosi. Il codice, all’articolo 52, proibisce anche l’uso di bambini e adolescenti ai fini del proselitismo politico o religioso [2].

Nel 1937 il governo ecuadoriano stipulò un accordo con la Santa Sede in cui alla Chiesa cattolica è garantita la libertà di svolgere il proprio ministero e impartire l’educazione. Diocesi cattoliche e altre istituzioni possono ottenere riconoscimento legale [3].

Incidenti

Nel giugno 2017 la Chiesa avventista ha organizzato una serie di incontri per rafforzare la pratica della libertà religiosa [4].

Nel novembre 2017 si è tenuto a Guayaquil il primo festival di musica interreligiosa. Il direttore dell’Orchestra Sinfonica di Guayaquil ha descritto la kermesse come un dialogo che coinvolge i cori delle molte Chiese e fedi della città [5].

Nel dicembre 2017 si è tenuta una riunione interreligiosa sotto gli auspici del Ministero degli Affari Esteri. Esperti di varie istituzioni hanno affermato che il dialogo interreligioso rappresenta una forza per la tolleranza nella società [6].

Nel dicembre 2017 si è tenuta a Portoviejo una competizione per il miglior presepe di Natale. Ogni rappresentazione mostrava i tratti distintivi di ciascun gruppo etnico partecipante. Nelle aree urbane vengono eseguiti anche presepi viventi con partecipanti che indossano indumenti indigeni, meticci e afro-ecuadoriani [7].

Nel febbraio 2018, il presidente Moreno ha incontrato la Conferenza episcopale
dell’Ecuador per discutere di questioni di interesse nazionale. Data la natura laica dello Stato, l’incontro ha suggerito che entrambe le parti si stessero impegnando nel dialogo [8].

Nel gennaio 2018 il Teatro Pop Up Café Samborondón è stato chiuso in seguito alle
lamentele da parte di gruppi cattolici relative ad un’opera teatrale intitolata ‘Il prepuzio’, che è stata considerata blasfema e irridente nei confronti della religione. In una dichiarazione, i responsabili del teatro hanno spiegato che non era loro intenzione offendere la sensibilità religiosa [9].

Prospettive per la libertà religiosa

Nel periodo in esame sono stati segnalati pochi significativi episodi di intolleranza nei confronti delle opinioni religiose. I diversi gruppi di fede godono della libertà di esprimere le proprie opinioni. La situazione della libertà di religione è buona e le prospettive per il futuro sono positive.

Note / fonti

[1] Costituzione Ecuador del 2008 con emendamenti fino al 2015, constituteproject.org,
https://www.constituteproject.org/constitution/Ecuador_2015.pdf?lang=en, (consultato il 14 maggio 2018).

[2] Codice dei bambini e degli adolescenti, Ecuador, articoli 34, 52 e 61,
https://www.registrocivil.gob.ec/wp-content/uploads/downloads/2014/01/este-es-06-
C%C3%93DIGO-DE-LA-NI%C3%91EZ-Y-ADOLESCENCIA-Leyes-conexas.pdf, (consultato il
3aprile 2018).

[3] Modus Vivendi che ripristina le relazioni tra l'Ecuador e la Santa Sede del 1937,
https://procuraduria.utpl.edu.ec/sitios/documentos/NormativasPublicas/GENERALES/01Modus%2 0Vivendi%20que%20Restablece%20Relaciones%20entre%20Ecuador%20y%20la%20Santa%20Sede.pdf, (consultato il 3 aprile 2018).

[4] ‘Iglesia Adventista en Ecuador fortalece la Libertad Religiosa’, Noticias Adventistas, 20 giugno
2017, https://noticias.adventistas.org/es/noticia/liberdad-religiosa/iglesia-adventista-ecuador-
fortalece-la-libertad-religiosa/, (consultato il 24 aprile 2018).

[5] ‘Festival de música interreligiosa empieza hoy en la urbe porteña’, El Telégrafo, 1 ° novembre
2017,https://www.eltelegrafo.com.ec/noticias/cultura/7/festival-de-musica-interreligiosa-empieza-hoy-en-la-urbe-portena, (consultato il 25 aprile 2018).

[6] ‘Proponen en Quito el diálogo interreligioso como fórmula de convivencia’, Agencia EFE,
16dicembre 2017,https://www.efe.com/efe/america/sociedad/proponen-en-quito-el-dialogo-
interreligioso-como-formula-de-convivencia/20000013-3468942#, (consultato il 25 aprile 2018).

[7] A. García, M.V. Espinosa y W. Benalcazar, ‘Las etnias del país se incluyen en los pesebres
navideños’, El Comercio, 19dicembre 2017, http://www.elcomercio.com/actualidad/etnias-ecuador-pesebres-navidad-nacimientos.html, (consultato il 25 aprile 2018).

[8] ‘Presidente Moreno se reunió con la cúpula de la Iglesia Católica’, El Comercio, 21 febbraio 2018, http://www.elcomercio.com/actualidad/leninmoreno-reunion-cupula-iglesia-catolica.html,
(consultato il 12 marzo 2018).

[9] ‘Pop Up Café Samborondón fue clausurado: una obra causó polémica’, El Comercio, 12gennaio
2018, http://www.elcomercio.com/tendencias/clausura-teatro-guayaquil-obra-teatro.html,
(consultato il 12 marzo 2018).

Riguardo a noi

Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACN) è una Fondazione pontificia, Nata nel 1947, ogni anno sostiene più di 6mila progetti in oltre 140 Paesi nel mondo. Attraverso tre pilastri – informazione, preghiera e azione – ACN aiuta i cristiani ovunque essi siano perseguitati, oppressi o in difficoltà.