Religione

3.444.000Popolazione

173.626 Km2Superficie

Leggi il Rapporto
keyboard_arrow_down

homekeyboard_arrow_rightUruguay

Quadro giuridico relativo alla libertà religiosa ed effettiva applicazione

Come scritto all’articolo 5, la Costituzione garantisce la libertà religiosa e mantiene una netta separazione tra le organizzazioni religiose e lo Stato [1]. Il codice penale criminalizza chiunque inciti all’odio, al disprezzo o a qualsiasi forma di violenza morale o fisica, e chiunque commetta tali violenze contro uno o più individui a causa della loro religione. Lo stesso vale per chiunque attacchi un luogo di culto, distrugga oggetti religiosi oppure ostacoli o disturbi una cerimonia religiosa [2].

La Costituzione riconosce nell’articolo, sempre all’articolo 5, la proprietà della Chiesa cattolica sui propri luoghi di culto che sono stati costruiti «in tutto o in parte con fondi delle casse dello Stato», con la sola eccezione di «cappelle dedicate all’uso di asili, ospedali, prigioni o altri istituti pubblici».

L’articolo 5 afferma inoltre che le organizzazioni religiose beneficiano di esenzioni da tutte le forme di tassazione che altrimenti si applicherebbero ai loro luoghi di culto. Questo a condizione che le organizzazioni presentino una richiesta per tali esenzioni al Ministero della Pubblica Istruzione e della Cultura e che la richiesta venga accettata. Anche le diocesi della Chiesa cattolica beneficiano di esenzioni fiscali [3].

Secondo la legge 15.739, l’educazione pubblica deve rispettare «l’indipendenza della coscienza morale e civica dello studente». Il Consiglio Nazionale per l’Educazione Pubblica deve affermare, tra le altre cose, i principi della laicità, difendere i valori morali e i diritti umani e promuovere il rispetto per le convinzioni e le credenze degli altri [4].

La legge sull’aborto (legge n. 18.987) riconosce, ai sensi dell’articolo 10, che le istituzioni possono opporsi alla pratica delle interruzioni di gravidanza. La norma riconosce inoltre all’articolo 11 il diritto dei medici e del personale medico di rifiutarsi di prendere parte a queste procedure sulla base dell’obiezione di coscienza [5]. Il Codice di etica medica, che ha forza di legge, riconosce altresì, agli articoli 40 e 41, il diritto all’obiezione di coscienza sulla base delle convinzioni personali [6].

Incidenti

Nel giugno 2016 il Consiglio di istruzione primaria ha autorizzato le visite di monsignor Alberto Sanguinetti, vescovo di Canelones, in alcune scuole per parlare di religione. La decisione è arrivata su richiesta del presule, il quale sosteneva che tali incontri fossero a beneficio della società. Alcune associazioni religiose che difendono la separazione tra Stato e religione hanno tuttavia messo in dubbio l’autorizzazione concessa al vescovo [7].

Nell’agosto 2016 il Consiglio dei Rettori delle università private dell’Uruguay ha criticato una legge che esclude le università private dal beneficiare di esenzioni fiscali che si applicano in altri ambiti alle donazioni benefiche. La Conferenza episcopale cattolica ha rilasciato una dichiarazione a sostegno del Consiglio dei rettori [8].

Nel dicembre 2016 il presidente Tabaré Vásquez ha incontrato in Vaticano Papa Francesco. Nel corso della visita il Pontefice ha affermato che il Vaticano era disposto a mettere a disposizione i documenti che potrebbero contenere informazioni sui crimini contro l’umanità commessi sotto l’ex dittatura dell’Uruguay. Il presidente ha invitato il Papa a visitare l’Uruguay [9].

Nel maggio 2016 il Consiglio Dipartimentale di Montevideo ha respinto la richiesta di collocare una statua della Vergine Maria in una zona molto trafficata di Montevideo. La Chiesa cattolica ha criticato la decisione, dicendo che questa costituiva una discriminazione ai danni della comunità cattolica [10].

Nel settembre 2017 si è svolto a Montevideo il 17 ° Colloquio annuale del Consorzio latinoamericano per la libertà religiosa. L’evento si è aperto con un incontro tra accademici e senatori uruguaiani che hanno riflettuto sui 100 anni di separazione tra Stato e religione. Durante l’incontro è stata anche esaminata la recente legislazione in materia di libertà di coscienza e religione [11].

Nell’ottobre 2017 il portale del Comitato Centrale Ebraico dell’Uruguay ha pubblicato un’intervista con don Julio Fernández Techera, rettore dell’Università Cattolica, che ha toccato temi quali il ruolo della religione in un Paese laico. Il rettore ha osservato che per la Chiesa, l’università è un luogo di dialogo tra fede e scienza e altre credenze e culture. Il religioso ha spiegato che questo è il motivo per cui l’Università Cattolica ha una cattedra permanente sull’Ebraismo ed una su Islam e mondo arabo [12].

Nel dicembre 2017 la Confraternita ebraico-cristiana dell’Uruguay ha celebrato il suo 60 ° anniversario. Il Ministro dell’Istruzione e della Cultura, che ha partecipato all’evento, ha sottolineato come il dialogo che rispetta le differenze sia la base per una società pacifica. Il ministro si è inoltre congratulato con l’associazione per i suoi contributi in tal senso [13].

Nel gennaio 2018 il cardinale Daniel Sturla ha rilasciato una dichiarazione pubblica in difesa della libertà di religione e ha affrontato una serie di questioni come l’espressione pubblica della religiosità, l’aborto e l’ideologia gender [14]. Gruppi femministi hanno reagito alle dichiarazioni del cardinale Sturla. Uno in particolare ha affermato che le opinioni del presule sul genere andavano contro le politiche di uguaglianza volte a contrastare le violenze domestica [15].

Nel marzo 2018, in occasione della Giornata internazionale della donna, la Chiesa cattolica ha espresso gratitudine e apprezzamento alle donne e ha sottolineato il loro incalcolabile contributo all’umanità. È stato inoltre osservato che «vi è urgente necessità di raggiungere l’uguaglianza di diritti e doveri che si addice ad una società democratica»[16].

Sempre nel marzo 2018 l’Istituto nazionale per i diritti umani e la protezione dei diritti dei cittadini (INDDHH) ha espresso preoccupazione per il fatto che, durante una marcia femminista, pietre e bombe di vernice sono state lanciate sulla chiesa di Cordón. L’Istituto ha affermato che il rispetto delle diverse idee e delle convinzioni era fondamentale e che la libertà di espressione e la protesta pacifica dovrebbero essere garantite [17].

Perspectives pour la liberté religieuse

Nel periodo in esame, la situazione della libertà religiosa non è cambiata in maniera significativa. Governo, accademici, clero e organizzazioni della società civile partecipano tutti al dialogo sul ruolo della religione nella vita pubblica. Le discussioni sulla libertà di religione spesso si concentrano sul livello di laicità nel Paese. Non vi sono indicazioni che suggeriscano che la situazione della libertà religiosa cambierà in modo sostanziale negli anni a venire.

Note / fonti

[1] Costituzione dell’Uruguay del 1966, reintegrata nel 1985, con emendamenti fino al 2004,constituteroject.org, https://www.constituteproject.org/constitution/Uruguay_2004.pdf?lang=en, (consultato il 12 maggio 2018).

[2] Codice Penale, Uruguay, articoli 149 bis e ter, 304, 305 e 306, https://parlamento.gub.uy/documentosyleyes/codigos?page=1, (consultato il 4 aprile 2018).

[3] Legge N ° 12.802 stabiliti regolamenti finanziari, Uruguay, articoli 134, https://parlamento.gub.uy/documentosyleyes/leyes?Ly_Nro=12802&Ly_fechaDePromulgacion%5Bmin%5D%5Bdate%5D=12-01-1982&Ly_fechaDePromulgacion%5Bmax%5D%5Bdate%5D=&Ltemas=&tipoBusqueda=T&Searchtext=, (consultato il 4 aprile2018).

[4] Legge N ° 15.739 dell’Insegnamento, Uruguay, articoli2, 6, https://parlamento.gub.uy/documentosyleyes/leyes?Ly_Nro=15739&Ly_fechaDePromulgacion%5Bmin%5D%5Bdate%5D=12-01-1982&Ly_fechaDePromulgacion%5Bmax%5D%5Bdate%5D=&Ltemas=&tipoBusqueda=T&Searchtext=, (consultato il 4 aprile2018).

[5] Legge n. 18.987 sull’interruzione volontaria della gravidanza, Uruguay, articoli 10 and 11, https://www.impo.com.uy/bases/leyes/18987-2012, (consultato il 4 aprile 2018).

[6] Legge n. 19.286 Codice etico medico, Uruguay, articoli 40 e 41, http://www.colegiomedico.org.uy/wp-content/uploads/2017/03/codigo-de-etica-medica-web.pdf, (consultato il 17 aprile 2018).

[7] D. Battiste, ‘Primaria habilitó visita a escuelas a obispo que cuestionó laicidad’, El Observador, 25agosto 2016, https://www.elobservador.com.uy/primaria-habilito-visita-escuelas-obispo-que-cuestiono-laicidad-n962408, (consultato il 18 aprile 2018).

[8] ‘De las universidades privadas a la Opinión Pública’’, Universidad de Montevideo, 4 agosto 2016,http://www.um.edu.uy/noticias/64184-de-las-universidades-privadas-a-la-opinion-publica/, (consultato il 17 aprile 2018); ‘Obispos se reunieronen Asamblea extraordinaria’, iglesiacatolica.org.uy, 5 agosto 2016, http://iglesiacatolica.org.uy/noticeu/obispos-se-reunieron-en-asamblea-extraordinaria/, (consultato il 17 aprile 2018).

[9] ‘Vásquez con Francisco: En enero comienza trabajo en archivos de la dictadura’, Uruguay Cambia, Época II- Year 2, N. 52, dicembre 2016, p. 3, https://medios.presidencia.gub.uy/tav_portal/2015/noticias/NO_R316/Uruguay_Cambia_52.pdf, (consultato il 17 aprile 2018).

[10]‘Iglesia Católica uruguaya denuncia ‘discriminación’ porque no le permitencolocarestatua de la virgenMaría’, Perú 21, 12maggio 2017, https://peru21.pe/mundo/iglesia-catolica-uruguaya-denuncia-discriminacion-le-permiten-colocar-estatua-virgen-maria-76134, (consultato il 12 marzo 2018).

[11] ‘XVII ColoquioAnual del ConsorcioLatinoamericano de Libertad Religiosa’, Centro Derecho y Religión Pontificia Universidad Católica de Chile, 14settembre 2017, http://derechoyreligion.uc.cl/es/actualidad, (consultato il 17 aprile 2018).

[12] ‘P. Dr. Julio FernándezTechera, Rector de la UniversidadCatólica: ‘La Iglesia no tieneningúnafán de imponernadahoy’’, Comité Central Israelita del Uruguay, 23 ottobre 2017, http://www.cciu.org.uy/news_detail.php?title=P.-Dr.-Julio-Fern%E1ndez-Techera,-Rector-de-la-Universidad-Cat%F3lica:-%22La-Iglesia-no-tiene-ning%FAn-af%E1n-de-imponer-nada-hoy%94&id=18120, (consultato il 18 aprile 2018).

[13] ‘La Confraternidad Judeo Cristiana comenzó las celebraciones por sus 60 años de vida’, Conferencia Episcopal del Uruguay, 16 dicembre 2017, http://iglesiacatolica.org.uy/noticeu/la-confraternidad-judeo-cristiana-comenzo-las-celebraciones-por-sus-60-anos-de-vida/, (consultato il 18 aprile 2017)

[14] ‘Cardenal hace firme defensa de la libertad religiosa en Uruguay’, Aciprensa, 3gennaio 2018, https://www.aciprensa.com/noticias/cardenal-hace-firme-defensa-de-la-libertad-religiosa-en-uruguay-88944, (consultato il 12 marzo 2018); ‘Miles en el Buceopor Rosario de lasFamilias’, ElPaís, 28 gennaio 2018, https://www.elpais.com.uy/informacion/miles-buceo-rosario-familias.html, (consultato l’11 aprile2018); ‘Arzobispo de Montevideo, Uruguay, anima a los católicos a defender su identidad en medio de las presiones’, Gaudium Press, 21 febbraio 2018, http://es.gaudiumpress.org/content/93278-Arzobispo-de-Montevideo–Uruguay–anima-a-los-catolicos-a-defender-su-identidad-en-medio-de-las-presiones, (consultato il 12 marzo 2018).

[15] ‘Feministas a Sturla: ‘Quizás le molesta no poder imponer sufe a quienes no creemos’’, El País, 29 gennaio 2018, https://www.elpais.com.uy/informacion/feministas-sturla-quizas-le-molesta-imponer-fe-quienes-creemos.html, (consultato il 12 marzo 2018).

[16] ‘Iglesia Católica insta a trabajar para alcanzar la igualdad de derechos entre hombre y mujer’, El Observador, 7 marzo 2018, https://www.elobservador.com.uy/iglesia-catolica-insta-trabajar-alcanzar-la-igualdad-derechos-hombre-y-mujer-n1179319, (consultato il 12 marzo 2018).

[17] ‘La Inddhh expresó ‘preocupación’ por ‘atentado’ a la Iglesia del Cordón’, El País, 9 marzo 2018, https://www.elpais.com.uy/informacion/sociedad/inddhh-expreso-preocupacion-atentado-iglesia-cordon.html, (consultato il 12 marzo 2018); ‘Repudian ataque a iglesia en marcha feminista’, ElPaís, 10 marzo 2018, https://www.elpais.com.uy/informacion/sociedad/repudian-ataque-iglesia-marcha-feminista.html, (consultato il 12 marzo 2018).

Riguardo a noi

Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACN) è una Fondazione pontificia, Nata nel 1947, ogni anno sostiene più di 6mila progetti in oltre 140 Paesi nel mondo. Attraverso tre pilastri – informazione, preghiera e azione – ACN aiuta i cristiani ovunque essi siano perseguitati, oppressi o in difficoltà.