Religione

64.500.000Popolazione

242.514 Km2Superficie

Leggi il Rapporto
keyboard_arrow_down

homekeyboard_arrow_rightRegno Unito

Quadro giuridico relativo alla libertà religiosa ed effettiva applicazione

Il Regno Unito è firmatario di convenzioni internazionali sui diritti umani che vincolano lo Stato a mantenere impegni in materia di libertà religiosa e credo, come la Convenzione europea sui diritti umani. La convenzione, che definisce il diritto alle libertà di pensiero, coscienza e religione (articolo 9), è stata incorporata nella “legge sui diritti umani del Regno Unito” del 1988, che tuttavia è entrata pienamente in vigore soltanto nel 2000.

La Chiesa d’Inghilterra, in quanto Chiesa ufficiale, ha dominato la vita religiosa pubblica per più di 450 anni e gode di un piccolo numero di privilegi a livello giuridico, ad esempio 26 vescovi anglicani siedono nella Camera dei Lord del Parlamento britannico. Sebbene la maggior parte della popolazione del Regno Unito si identifichi ancora ampiamente con il Cristianesimo – secondo l’ultimo censimento, il 59,3 percento si definisce cristiano [1] – la frequenza regolare in chiesa durante le funzioni domenicali è diminuita drasticamente sin dalla fine del XX secolo [2]. L’immigrazione e i cambiamenti demografici hanno inoltre contribuito alla crescita di altre fedi, in particolare l’Islam.

L’istruzione religiosa è un requisito legale nelle scuole finanziate dallo Stato in Inghilterra, tuttavia più di un quarto delle scuole secondarie del Paese non offre un’istruzione religiosa. Fiona Moss della Associazione Nazionale per l’educazione religiosa ha avvertito che le scuole produrranno studenti «religiosamente analfabeti» [3]. Durante il periodo in esame, un certo numero di personalità pubbliche tra cui Aaqil Ahmed, caporedattore del settore religione della BBC, e Justin Welby, l’arcivescovo anglicano di Canterbury, hanno espresso preoccupazione per l’aumento dei livelli di analfabetismo religioso [4].

Secondo l’ultima valutazione del Pew Forum mentre le restrizioni alla libertà religiosa da parte del governo sono rimaste basse, le ostilità sociali sono piuttosto alte [5]. I dati del Ministero dell’Interno mostrano un aumento dei «reati aggravati motivati da odio religioso o razziale» a partire dall’aprile 2016, con un picco nel luglio 2016 (sono stati segnalati 5.949 reati di odio religioso nel periodo 2016-2017). «Questi aumenti sono perfettamente in linea con il fenomeno ampiamente riportato di una crescita dei reati di odio in seguito al referendum sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione europea» [6]. Inoltre, i credenti hanno sperimentato discriminazioni nei casi in cui le loro convinzioni sono entrate in conflitto con le nuove norme sociali.

Incidenti

A. Relativi all’Ebraismo

Per il 2017 il Community Security Trust ha registrato 1.382 incidenti antisemiti – il più alto totale annuo mai registrato dall’organizzazione. Il dato include un aumento del 34 percento del numero di aggressioni registrate, cha hanno raggiunto quota 145. Tra i fattori che hanno determinato l’aumento si ipotizza vi siano il generale incremento delle aggressioni ai danni degli individui percepiti come «stranieri» – registrato in seguito al referendum sulla Brexit – e la propaganda relativa alle polemiche sul presunto ed effettivo antisemitismo all’interno del Partito Laburista. La cifra di 1.382 incidenti registrata nel 2017 ha segnato un lieve aumento rispetto al 2016, durante il quale vi sono stati 1.346 incidenti antisemiti. Ogni mese, da maggio a dicembre 2016, vi sono stati più di 100 incidenti, la maggior parte dei quali riguarda l’aggressione verbale di persone riconosciute come di religione ebraica. Il 22 percento del totale complessivo ha riguardato abusi commessi tramite social media. Vi sono stati anche 107 incidenti violenti, in gran parte di lieve entità [7].

Nel settembre 2017, un anziano si stava recando in una sinagoga di Londra quando un uomo caucasico ha afferrato aggressivamente il suo libro di preghiere e la sua kippah, gettandoli entrambi a terra. Nello stesso mese due uomini dalle sembianze mediorientali hanno urlato a un rabbino dal loro veicolo: «Tornatene a f *****o di nuovo in Israele, israeliano di m***a»[8]. 22 episodi antisemiti verificatisi nel 2017, hanno visto come vittime studenti o accademici di fede ebraica, rispetto ai 41 incidenti registrati nel 2016. Un sondaggio ha rilevato che oltre un quarto degli studenti ebrei che sono stati intervistati ha subito abusi personali anche attraverso i social media. La maggior parte (65 percento) non credeva che l’Unione nazionale degli studenti (National Union of Students – NUS) avrebbe «risposto in modo appropriato» alle accuse di antisemitismo, dal momento che il personale stesso della NUS era stato accusato di commenti antisemiti, inclusa la sua presidente nel 2016-17, Malia Bouattia, la quale ha revocato la possibilità degli studenti ebrei di eleggere un proprio rappresentante nel comitato antirazziale nazionale [9].

B. Relativi all’Islam

Questo tipo di incidenti è più che raddoppiato tra il 2016 e il 2017: la polizia ha registrato 110 crimini tra il marzo e  il luglio del 2017, contro i 47 dello stesso semestre del 2016. Fiyaz Mughal, direttore di Faith Matters, associazione che lavora per aumentare la coesione della comunità e per il dialogo interreligioso, ha detto che il terrorismo islamista è il fattore principale che ha guidato i crimini di odio, sebbene molte persone si sentissero a disagio nel dichiararlo [10]. In particolare, l’attacco avvenuto al London Bridge avvenuto nel giugno 2017 ha innescato attacchi contro musulmani britannici, con un aumento di cinque volte del numero di episodi nei tre giorni successivi all’incidente. Sono stati segnalati casi di abusi verbali o sputi contro le donne musulmane sugli autobus; una signora è stata afferrata per la gola ad una fermata dell’autobus [11]. Abusi razzisti, atti di vandalismo e minacce di bombe sono stati reati di odio commessi contro le moschee in tutto il Regno Unito. Una persona è stata uccisa e 12 ferite quando il 48enne Darren Osborne ha guidato un furgone contro un gruppo di musulmani vicino alla moschea di Finsbury Park a nord di Londra. Nel febbraio 2018 il signor Osborne è stato condannato a un minimo di 48 anni per reato terroristico [12].

Nel settembre 2017, cinque giorni dopo che un adolescente radicalizzato aveva fatto esplodere una bomba su un treno della metropolitana alla stazione di Parsons Green, ferendo 50 persone, una donna musulmana di 47 anni è stata investita da un’auto a Leicester. L’impatto ha sbalzato Zaynab Hussein, che stava tornando dalla scuola in cui aveva appena lasciato i suoi due bambini più piccoli, contro il muro di una casa vicina. Mentre giaceva sul marciapiede, il veicolo l’ha nuovamente investita. La signora Hussein è stata in seguito ricoverata in ospedale con una gamba e un braccio fratturati e gravi fratture al bacino e alla colonna vertebrale. Le sue ferite hanno sostanzialmente limitato la sua mobilità. La stessa auto aveva ha cercato di investire una ragazza di 12 anni mentre andava a scuola, ma la giovane era stata presa soltanto di striscio. Entrambe le vittime indossavano il velo islamico. Nel marzo 2018, una giuria ha giudicato l’autista, il ventunenne Paul Moore, colpevole di tentato omicidio, lesioni fisiche aggravate intenzionalmente procurate e guida pericolosa. È stato condannato all’ergastolo [13].

C. Relativi al Cristianesimo

I cristiani incontrano difficoltà quando le loro opinioni religiose entrano in conflitto con le attuali norme politiche in materia di genere e sessualità. Il deputato liberaldemocratico Tim Farron si è sentito costretto a dimettersi da leader del partito dopo alcune accuse da parte dei media sulle sue opinioni religiose personali nei confronti delle persone omosessuali. Il dibattito è nato durante la campagna per le elezioni generali del 2017 [14].

Nell’agosto 2017, una corte d’appello per l’occupazione si è pronunciata contro il pastore pentecostale Barry Trayhorn, che è stato sospeso per «commenti omofobici» per aver citato il verso 1 Corinzi 6: 9-11 durante una celebrazione nella cappella della sua chiesa nel maggio 2014 [15]. La signora Justice Slade ha affermato che il passo biblico citato era «dispregiativo nei confronti degli omosessuali» e potrebbe «legittimare il bullismo o altri maltrattamenti» [16].

Nell’ottobre 2017 l’Alta Corte dell’Inghilterra e del Galles ha confermato la decisione della Sheffield University di espellere lo studente MA Felix Ngole dal suo corso in assistenza sociale perché aveva pubblicamente espresso sostegno, attraverso la sua pagina Facebook, all’impiegata statunitense Kim Davis. Il giudice Rowena Collins Rice ha stabilito che, sebbene il provvedimento dell’università sia stato «estremamente severo», il rischio percepito di danno lo giustificasse, in quanto «il commento poteva essere letto da persone che lo avrebbero interpretato come un giudizio, incompatibile con l’ethos del servizio sociale o indicativo di intenti discriminatori» … qualunque fosse l’effettiva intenzione, era la percezione di chi avrebbe letto il post che avrebbe causato eventuali danni» [17].

Nel 2016 il magistrato Richard Page, 71 anni, è stato licenziato dopo aver detto ad una coppia omosessuale che idealmente i bambini dovrebbero essere allevati da una madre e da un padre. L’uomo cristiano era stato precedentemente rimproverato e ha dovuto intraprendere una «formazione intesa alla rieducazione» [18]. Allo stesso modo, il magistrato del South Derbyshire, Susan Preston, è stata formalmente ammonita per cattiva condotta dall’Ufficio investigativo sulla condotta giudiziaria che le ha ordinato di non giudicare in futuro di casi legati alla famiglia, dopo che si era rifiutata di occuparsi di un caso riguardante genitori omosessuali [19]. A una coppia di cristiani è stato impedito di prendere in adozione dei bambini, perché avevano espresso la loro convinzione che i figli, ove possibile, dovrebbero avere una madre e un padre [20].

Dopo che i dati sui reati di odio in Scozia hanno dimostrato che i cattolici romani sono più colpiti di qualsiasi altro gruppo religioso, la parlamentare Elaine Smith, portavoce per la disuguaglianza del partito laburista scozzese, ha affermato che i membri del gruppo religioso hanno bisogno di maggiore protezione [21]. Un video della BBC scozzese contenente la parodia dell’atto di ricevere la comunione nella Chiesa cattolica, è stato descritto da monsignor John Keenan, vescovo di Paisley, come «offensivo per i cattolici sia nelle parole che nelle immagini usate»[22].

D. Scuole religiose

Le scuole ebraiche conservatrici, e in particolare le istituzioni private haredi, sono state sottoposte a crescenti pressioni da parte dell’Ufficio per gli standard dell’istruzione, dei servizi per l’infanzia e le abilità (Ofsted) per questioni relative all’omosessualità [23]. La scuola femminile Vishnitz non ha superato tre ispezioni dell’Ofsted nel 2016 e 2017, in parte perché non insegna ai bambini delle scuole elementari di età compresa tra i tre e gli otto anni, nozioni relative all’omosessualità o alla riassegnazione di genere [24]. Un rapporto dell’ottobre 2016 ha concluso che, a causa del mancato insegnamento di questo particolare ambito, «la scuola non incoraggia gli alunni ad avere rispetto per le altre persone» [25]. La scuola privata femminile non è stata l’unica scuola ebraica a scontrarsi con l’Ofsted sulla questione. Nel febbraio 2017, la Beth Jacob Grammar School di Hendon, classificata come eccellente soltanto cinque anni prima, è stata declassata al grado di inadeguata [26]. L’Ofsted ha osservato che gli alunni «non ricevono insegnamenti espliciti su questioni quali l’orientamento sessuale», pur riconoscendo che «agli studenti viene insegnata l’importanza di rispettare e apprezzare tutte le persone come parte della loro fede ebraica» [27]. La scuola primaria maschile Beis Aharon di Stamford Hill ha ricevuto sei visite da parte degli ispettori l’Ofsted in due anni, e il Segretario di Stato ha emesso un ordine che impediva all’istituto di ammettere nuovi alunni. Pur essendo migliorata rispetto all’ultima ispezione in diverse aree di interesse, nel marzo 2017, la scuola indipendente è stata ancora oggetto di critiche per la «qualità dell’istruzione», perché non insegna ai bambini di età compresa tra tre e 13 anni tematiche riguardanti questioni LGBT +[28]. Riassumendo, dopo che la scuola ha perso un appello contro la restrizione, il giudice Hugh Brayne ha sostenuto che il non insegnare agli studenti le relazioni omosessuali e la riassegnazione di genere rappresenta una mancanza che «impedisce alla scuola di incoraggiare il rispetto per le persone che hanno tali caratteristiche»[29].

Amanda Spielman, ispettore capo dell’educazione di Sua Maestà, ha espresso pubblicamente le proprie critiche alle scuole religiose. «Abbiamo trovato un numero crescente di scuole religiose conservatrici in cui i requisiti legali che definiscono le aspettative da soddisfare circa i valori condivisi e la tolleranza si scontrano con le aspettative della comunità», ha affermato [30]. Il deputato di Tottenham David Lammy ha commentato: «Siamo rimasti fermi, impotenti, senza poter fermare quella che molti considerano un’escalation offensiva contro l’educazione ebraica». Il parlamentare ha anche criticato ciò che egli ha definito «toni da ideologia sovietica» nella confusione operata dalla Spielman tra «valori britannici» e«valori laici, che ogni scuola nella terra deve insegnare ai bambini»[31]. Le questioni LGBT + non sono state specificamente trattate nei “valori britannici per le scuole” lanciati nel 2014, e mentre il rispetto e la tolleranza per le persone LGBT + erano implicite, non vi era nulla che suggerisse che fosse richiesto un insegnamento esplicito sul loro stile di vita [32]. Inoltre il fatto che la Vishnitz Girls School non insegni ai propri alunni circa l’omosessualità non costituisce violazione di nessuna legislazione sull’uguaglianza esistente. Il che solleva serie domande sull’interpretazione dell’orientamento del governo da parte dell’Ofsted [33].

Prospettive per la libertà religiosa

Il picco registrato nel periodo in esame nel numero di crimini d’odio religiosamente motivati, era legato a fattori di più ampio raggio. Si spera che vi sarà un calo di tali reati in quanto i fattori scatenanti non sussistono più, tuttavia non si può essere molto ottimisti, perché ogni periodo di riferimento vede nuove cause scatenanti e continui attacchi di varia gravità.

Il diritto di manifestare le opinioni religiose viene negato nei casi in cui le credenze sono in conflitto con le norme attuali e progressiste sul genere e la sessualità: individui e istituzioni vengono penalizzati per esprimere la tradizionale visione religiosa della moralità, anche se rendono note le proprie convinzioni in modo obiettivo e senza intenzione di offendere. Vi è ogni ragione per temere che, mentre il dibattito su genere e sessualità si allontana dai modelli tradizionali, i gruppi religiosi e gli individui che esprimono le proprie opinioni in questo ambito saranno sempre più sanzionati da istituzioni governative e giuridiche.

Note / fonti

[1] Ufficio nazionale di Statistica, Religioni in Inghilterra e nel Galles 2011 <https://www.ons.gov.uk/peoplepopulationandcommunity/culturalidentity/religion/articles/religioninenglandandwales2011/2012-12-11>. Recenti sondaggi suggeriscono che il numero di “nessuna fede” (cioè quelli che si identificano senza fede) è aumentato, tuttavia, queste indagini sono basate su campioni di dati relativamente piccoli. Ad esempio un sondaggio del 2017 che ha rilevato che il 53% degli intervistati identificati come “nessuna fede” era basato su un campione di appena 2.942 rispondenti. May Bulman, “Record number of British people say they have no religion” Independent, 4 settembre  2017 http://www.independent.co.uk/news/uk/home-news/british-people-atheist-no-religion-uk-christianity-islam-sikism-judaism-jewish-muslims-a7928896.html(entrambi consultati il 13 febbraio 2018).

[2] Alasdair Crockett and David Voas, “Generations of Decline: Religious Change in 20th-Century Britain” in Journal for the Scientific Study of Religion, 45 (2006), pp. 567-584; BBC News (online), 7 maggio 2013 http://www.bbc.co.uk/news/uk-22426144 (consultato il 18 aprile 2018).

[3] Anche i genitori hanno il diritto legale di ritirare i propri figli dai corsi di religione. Robert Long, Religious Education in Schools (England), House of Commons Library Briefing Paper 07167 (7 luglio 2016); Alex Strangwayes-Booth, “Schools break law on religious education, research suggests”, BBC News (online), 17 settembre 2017http://www.bbc.co.uk/news/education-41282330(consultato il 13 febbraio 2018).

[4] Rose Gamble, “Terrorist attacks are to do with religion says Welby, urging faith leaders to take responsibility”, The Tablet, 5 giugno 2017 http://www.thetablet.co.uk/news/7227/terrorist-attacks-are-to-do-with-religion-says-welby-urging-faith-leaders-to-take-responsibility (consultato il 18 aprile 2018); Ian Burrell, “BBC head of religion warns of ‘chronic lack of religious literacy’ in the UK”, Independent, 18 marzo 2016 <https://www.independent.co.uk/news/uk/home-news/bbc-head-of-religion-warns-of-chronic-lack-of-religious-literacy-in-the-uk-a6940041.html>(consultato il 18 aprile 2018).

[5] Global Restrictions on Religion Rise Modestly in 2015, Reversing Downward Trend, Pew Research Centre, 2017 (rapporto sulla situazione nel 2015).

[6] Aoife O’Neill, Crimini d’odio in Inghilterra e nel Galles, 2016/17, Bollettino statistico del Inistero dell’Interno17/17 (17 ottobre 2017), pp. 1, 6.

[7] CST,Rapporto Annuale 2016, p. 9 <https://cst.org.uk/data/file/d/f/CST_Annual_Review_2016.1486995234.pdf>; CST Rapporto Annuale 2017, p. 17 https://cst.org.uk/public/data/file/a/b/IR17.pdf(consultato il 18 aprile 2018).

[8] CST Rapporto Annuale 2017, pp. 4, 5, 20, 38 <https://cst.org.uk/public/data/file/a/b/IR17.pdf>(consultato il 18 aprile 2018).

[9] Independent (online), 3 aprile 2017 <http://www.independent.co.uk/news/uk/home-news/jewish-students-uk-british-universities-anti-semitism-israel-bds-national-union-students-nus-malia-a7665111.html>; The experience of Jewish students in 2016-17 (London: NUS), p. 8 https://www.nusconnect.org.uk/resources/The-experience-of-Jewish-students-in-2016-17 (consultato il 18 aprile 2018).

[10] “The latest data was obtained through Freedom of Information requests made to 45 UK police forces”. Rachel Roberts, “Hate crime targeting UK mosques more than doubled in past year, figures show”, Independent Sunday 8 ottobre 2017 http://www.independent.co.uk/news/uk/home-news/hate-crime-muslims-mosques-islamist-extremism-terrorism-terror-attacks-a7989746.html (consultato il 13 febbraio 2018)

[11] Vikram Dodd eSarah Marsh, “Anti-Muslim hate crimes increase fivefold since London Bridge attacks”, Guardian Wed, 7 giugno 2017 https://www.theguardian.com/uk-news/2017/jun/07/anti-muslim-hate-crimes-increase-fivefold-since-london-bridge-attacks (consultato il 16 febbraio 2018).

[12] Vikram Dodd e Kevin Rawlinson, “Finsbury Park attack: man ‘brainwashed by anti-Muslim propaganda’ convicted”, Guardian, 1° febbraio 2018 < https://www.theguardian.com/uk-news/2018/feb/01/finsbury-park-van-attacker-darren-osborne-found-guilty-murder-makram-ali>; Colette Hume, “Darren Osborne: ‘Complex emotions’ after mosque attack” BBC News (online), 16febbraio  2018 http://www.bbc.co.uk/news/uk-wales-43074664 (entrambi consultati il 18 aprile 2018).

[13] Hanna Yusuf, “Mother who was run over twice by attacker: ‘I thought I had died’”, BBC News (online), 27 marzo 2018 < https://www.bbc.co.uk/news/uk-43544115>; Kevin Rawlison, “Man jailed for life after running over Muslim woman in Leicester”, Guardian, 27 marzo 2018 <https://www.theguardian.com/uk-news/2018/mar/27/man-jailed-life-running-over-muslim-woman-leicester-paul-moore-zaynab-hussein>; Lizzie Dearden, “Man who tried to kill Muslim woman and 12-year-old girl in ‘revenge’ for terror attacks jailed for life”, Independent, 27 marzo 2018 https://www.independent.co.uk/news/uk/crime/leicester-muslim-attempt-murder-revenge-terror-attack-jailed-paul-moore-sentence-prison-a8275976.html (entrambi consultati l’11 luglio 2018).

[14] A seguito di un’intervista con Cathy Newman su Channel 4 News in cui Farron aveva rifiutato di rispondere alla domanda se il sesso gay fosse peccaminoso dicendo che non «passo il mio tempo a parlare di teologia», gli è stato ripetutamente chiesto di chiarire la propria posizione al riguardo in diverse interviste nei media e persino in Parlamento. Nel tentativo di porre fine alla questione Farron ha detto al corrispondente politico della BBC Eleanor Garnier che non pensava che essere gay fosse peccaminoso. Tuttavia, parlando alla Premier Christian Radio nel gennaio 2018, è sembrato ritirare la dichiarazione: «La linea di fondo è, naturalmente, che, sentendomi sotto pressione, ho fatto e detto cose – incluse quelle – di cui mi dispiace”. In seguito alle sue osservazioni i politici e gli attivisti Liberali Democratici hanno chiesto che Farron venisse rimosso dalla sua carica.

Cfr. Benjamin Butterworth, “Is gay sex a sin? Liberal Democrat leader Tim Farron loses thousands of votes”, Pink News, 9giugno 2017 <http://www.pinknews.co.uk/2017/06/09/is-gay-sex-a-sin-liberal-democrat-leader-tim-farron-loses-thousands-of-votes/>; “Tim Farron: I don’t think gay sex is a sin” BBC News (online) 25 aprile 2017 <http://www.bbc.co.uk/news/uk-politics-39703444>; Alex Williams  “Tim Farron: I was foolish to say gay sex isn’t a sin”, 10 gennaio 2018 <https://www.premier.org.uk/News/UK/VIDEO-EXCLUSIVE-Tim-Farron-I-was-foolish-to-say-gay-sex-isn-t-a-sin> ;  Benjamin Butterworth, “Gay sex row: Tim Farron ‘will be dealt with’ as Lib Dem activists call for him to be fired” Pink News, 11 gennaio 2018 http://www.pinknews.co.uk/2018/01/11/gay-sex-row-tim-farron-to-be-dealt-with-as-lib-dems-activists-call-for-him-to-be-fired/ (tutti consultati il 12 gennaio 2018).

[15] “Rev’d Barry Trayhorn ‘forced to resign’ as prison worker – for quoting the Bible in chapel” Archbishop Cranmer (blog), 2 novembre 2015 <http://archbishopcranmer.com/revd-barry-trayhorn-forced-to-resign-as-prison-worker-for-quoting-the-bible-in-chapel/>; “Christian prison worker ‘forced to resign’ after quoting Bible in chapel service” Christian Concern, 2 novembre 2015 <http://www.christianconcern.com/our-concerns/freedom-of-speech/christian-prison-worker-forced-to-resign-after-quoting-bible-in-chape> ; Jonathan Petrie, “Christian minister disciplined by prison authorities for quoting verses from the Bible deemed to be homophobic”, Mail on Sunday, 31 ottobre 2015, <http://www.dailymail.co.uk/news/article-3298454/A-Christian-minister-disciplined-prison-authorities-quoting-verses-Bible-deemed-homophobic.html#ixzz3r0CuDYri> ; “Homophobia row preacher ‘forced’ to quit HMP Littlehey” BBC News (online), 3 novembre 2015, http://www.bbc.co.uk/news/uk-england-cambridgeshire-34697664 (tutti consultati l’8 gennaio 2018).

[16] Andrea Williams, “A judicial warning shot that should put the fear of God into us”, Christian Concern, 10agosto 2017 http://www.christianconcern.com/our-concerns/freedom-of-speech/a-judicial-warning-shot-that-should-put-the-fear-of-god-into-us-andre (dati consultati l’8 gennaio 2018).

[17] “Court rules student can be expelled for quoting Bible on Facebook”, Christian Concern, 27 ottobre 2017, < http://www.christianconcern.com/our-issues/education/court-rules-student-can-be-expelled-for-quoting-bible-on-facebook> ; “Christian thrown out of university over anti-gay remarks loses appeal”, Guardian, 27 ottobre 2017; Matt Reeder “Yorskhire university defends Christian’s course exclusion in homosexuality comments row”, Yorkshire Post, 4 ottobre 2017  https://www.yorkshirepost.co.uk/news/education/yorkshire-university-defends-christian-s-course-exclusion-in-homosexuality-comments-row-1-8786501> (tutti consultati l’8 gennaio 2018).

[18] “Employment Tribunal allows censorship of Christian beliefs” Christian Concern, 24 ottobre 2017 <http://www.christianconcern.com/our-issues/employment/employment-tribunal-allows-censorship-of-christian-beliefs>; “Richard Page, from Headcorn, loses case after being sacked over gay adoption row”, Kent Online. 22 ottobre 2017 http://www.kentonline.co.uk/maidstone/news/former-nhs-director-loses-gay-adoption-row-134089/ (tutti i siti precedenti sono stati consultati l’8 gennaio 2018); “Magistrate sacked for opposing same-sex adoption is suspended by NHS”, Guardian, 26 marzo 2016 <https://www.theguardian.com/society/2016/mar/27/magistrate-sacked-for-opposing-same-sex-adoption-is-suspended-by-nhs> (consultato il 13 febbraio 2018).

[19] “Magistrate disciplined for not hearing same-sex parenting case” Christian Concern, 3 febbraio 2017 http://www.christianconcern.com/our-concerns/adoption/magistrate-disciplined-for-not-hearing-same-sex-parenting-case (consultato il 12 gennaio 2018).

[20] “Christian couple blocked from adopting children because of their belief that children need mum and dad” Christian Concern, 9 novembre 2016 http://www.christianconcern.com/our-concerns/adoption/foster-parents-prevented-from-adoption-because-they-believe-a-child-should-hav (consultato il 12 gennaio 2018).

Un sondaggio di 12.000 cristiani ha rilevato che il 50 percento ha riferito di aver subito pregiudizi a causa delle proprie convinzioni e il 93 percento pensa che il Cristianesimo sia emarginato nel Regno Unito. Indagine sullo stato della fede, Premier Christian Media 2017 <https://www.ordinarychristian.org.uk>(consultato il 12 gennaio 2018).

[21] John Boothman, “Catholics in Scotland are the biggest target of hate crime”, The Sunday Times, 18 marzo 2018.

[22] Nick Hallet, “BBC Scotland video says Holy Communion ‘smells like hate’”, Catholic Herald, 13 aprile 2018 http://catholicherald.co.uk/news/2018/04/13/bbc-scotland-video-says-holy-communion-smells-like-hate/ (consultato il 24 aprile 2018)

[23]Jewish Chronicle, 8 dicembre 2017 < https://www.thejc.com/education/education-news/jewish-independent-schools-fare-worst-in-ofsted-report-1.449894> (consultato il 18 aprile 2018).

[24] Jewish Chronicle, 26 giugno 2017; Independent (online), 26 giugno 2017 <http://www.independent.co.uk/news/education/education-news/private-jewish-school-lgbt-issues-fail-ofsted-inspection-vishnitz-girls-london-orthodox-sex-british-a7809221.html>(consultato il 18 aprile 2018).

[25] OFSTED additional inspection, Vishnitz Girls School, 13 ottobre 2016 https://reports.ofsted.gov.uk/inspection-reports/find-inspection-report/provider/ELS/138516 (consultato il 18 aprile 2018).

[26] Jewish Chronicle, 27 febbraio 2017 https://www.thejc.com/education/education-news/hendon-girls-school-receives-lowest-ofsted-rating-1.433474 (consultato il 18 aprile 2018).

[27] OFSTED inspection, Beth Jacob Grammar School for Girls, 2 novembre 2016, <https://reports.ofsted.gov.uk/inspection-reports/find-inspection-report/provider/ELS/101388>(consultato il 18 aprile 2018).

[28] “Pupils demonstrate a general lack of awareness of the way other people choose to live their lives, including those with protected characteristics.” OFSTED inspection, Beis Aharon School, 2 marzo 2017, p. 3 https://reports.ofsted.gov.uk/inspection-reports/find-inspection-report/provider/ELS/101388 (consultato il 18 aprile 2018).

[29] Pink News, 9 maggio 2106 <http://www.pinknews.co.uk/2016/05/09/jewish-school-banned-from-taking-new-students-until-it-teaches-about-lgbt-issues/>(consultato il 18 aprile 2018).

[30] Amanda Spielman, The Annual Report of Her Majesty’s Chief Inspector of Education, Children’s Services and Skills 2016/17, London: OFSTED, p. 8.

[31] Jewish Chronicle, 28 dicembre 2017 https://www.thejc.com/comment/comment/it-is-time-to-stop-this-assault-on-our-jewish-schools-1.451005 (consultato il 18 aprile 2018).

[32] Questi erano: la democrazia, lo stato di diritto, la libertà individuale, il rispetto reciproco e la tolleranza di coloro che hanno fedi e credenze diverse.

[33] “Guidance on promoting British values in schools”, 27 novembre 2014 <https://www.gov.uk/government/news/guidance-on-promoting-british-values-in-schools-published>Cfr. anche Promoting fundamental British values as part of SMSC in schools Departmental advice for maintained schools London: Dipartimento dell’educazione, novembre 2014https://www.gov.uk/government/uploads/system/uploads/attachment_data/file/380595/SMSC_Guidance_Maintained_Schools.pdf (entrambi consultati il 18 aprile 2018).

Riguardo a noi

Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACN) è una Fondazione pontificia, Nata nel 1947, ogni anno sostiene più di 6mila progetti in oltre 140 Paesi nel mondo. Attraverso tre pilastri – informazione, preghiera e azione – ACN aiuta i cristiani ovunque essi siano perseguitati, oppressi o in difficoltà.