Stabile / Immutato

Saint Kitts e Nevis

Religione

56.200Popolazione

261 Km2Superficie

Leggi il Rapporto
keyboard_arrow_down

homekeyboard_arrow_rightSaint Kitts e Nevis

Quadro giuridico relativo alla libertà religiosa ed effettiva applicazione

Il preambolo della Costituzione [1] afferma che la nazione è stata fondata sulla base della fede in Dio Onnipotente.

La Carta afferma inoltre che tutti hanno diritti e libertà fondamentali, indipendentemente dalla razza, dal luogo di origine, dalla nascita, dalle opinioni politiche, dal colore, dal credo o dal sesso, quali le libertà di coscienza, di espressione e di associazione. Il diritto all’obiezione di coscienza al servizio militare è riconosciuto.

A nessuno può essere negato il diritto alla libertà di coscienza, che include le libertà di pensiero e religione, la libertà di cambiare religione o credo e di manifestare la propria fede nel culto, nell’insegnamento, nella pratica e nell’osservanza, individualmente o collettivamente, in pubblico o in privato.

Ogni comunità religiosa ha il diritto, a proprie spese, di istituire e gestire i propri istituti educativi.

Nessuno può essere obbligato o costretto a prestare giuramento contrario al proprio credo o alla propria religione, o in modo contrario ad essi.

Incidenti

Nessuna violazione della libertà religiosa è stata segnalata nel periodo in esame. Il rapporto tra le Chiese e il governo è migliorato attraverso una stretta collaborazione attuata nel tentativo di riabilitare il Paese dopo il disastroso uragano Irma. Nel settembre 2017, il Primo Ministro Timothy Harris si è congratulato con le Chiese per aver lavorato con le autorità in seguito alla calamità naturale. Il clero, in collaborazione con il Ministero per gli affari ecclesiastici, ha emesso un «invito alla preghiera» che è stato trasmesso alla radio. Il Primo Ministro ha dichiarato che si trattava di un’iniziativa assolutamente necessaria e si è congratulato con le comunità religiose per il ruolo che hanno svolto in questo ambito.

Prospettive per la libertà religiosa

Durante il periodo in esame, non vi sono state segnalazioni di intolleranza o persecuzione esplicita per motivi religiosi. In assenza di incidenti avvenuti negli ultimi due anni, possiamo concludere che non vi sia stato alcun cambiamento rispetto al periodo precedente. Le prospettive per il futuro sono positive.

Note / fonti

[1] Tutti gli articoli citati sono tratti dalla Costituzione di Saint Kitts e Nevis del 1983, constituteproject.org, https://www.constituteproject.org/constitution/St_Kitts_and_Nevis_1983.pdf?lang=en (consultato il 22 marzo 2018).

Riguardo a noi

Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACN) è una Fondazione pontificia, Nata nel 1947, ogni anno sostiene più di 6mila progetti in oltre 140 Paesi nel mondo. Attraverso tre pilastri – informazione, preghiera e azione – ACN aiuta i cristiani ovunque essi siano perseguitati, oppressi o in difficoltà.