Religione

3.990.000Popolazione

75.320 Km2Superficie

Leggi il Rapporto
keyboard_arrow_down

homekeyboard_arrow_rightPanama

Quadro giuridico relativo alla libertà religiosa ed effettiva applicazione

La protezione di Dio è invocata nel preambolo della Costituzione [1]. In base all’articolo 35, «tutte le religioni possono essere professate e tutte le forme di culto praticate liberamente, senza alcuna altra limitazione se non il rispetto per la morale cristiana e l’ordine pubblico. Si riconosce che la
religione cattolica è praticata dalla maggioranza dei panamensi». La Costituzione stabilisce nell’articolo 19 che «non vi devono essere privilegi o discriminazioni pubbliche o private, in base a razza, nascita, classe sociale, disabilità, sesso, religione o ideologia politica».

A prescindere dallo svolgimento dei doveri inerenti alle loro missioni, l’articolo 45 afferma che i ministri della religione «possono detenere incarichi pubblici soltanto se tali posizioni sono correlate al benessere sociale, all’educazione pubblica o alla ricerca scientifica». L’articolo 139 afferma che è illegale istituire partiti politici basati sulla religione. Prima del suo insediamento, il Presidente e il vicepresidente della Repubblica prestano giuramento con le parole di cui all’articolo 181: «Giuro a Dio e al Paese di attenermi fedelmente alla Costituzione e alle leggi della Repubblica». Tuttavia L’articolo 181 afferma che i cittadini che non professano il credo religioso possono rinunciare all’invocazione di Dio nel giuramento. Le organizzazioni religiose hanno, ai sensi dell’articolo 36, «capacità giuridica e possono gestire e amministrare le loro proprietà entro i limiti prescritti dalla legge, al pari degli altri enti aventi personalità giuridica».

Secondo l’articolo 94, le scuole pubbliche e private «sono aperte a tutti gli studenti senza distinzione di razza, posizione sociale, ideologia politica, [o] religione». In base all’articolo 107 della Costituzione, «la religione cattolica deve essere insegnata nelle scuole pubbliche». Tuttavia, questo articolo prosegue affermando che «gli studenti non sono obbligati a frequentare corsi di religione, né a partecipare a funzioni religiose» e possono essere esonerati dai corsi su richiesta dei loro genitori o tutori.

Incidenti

Nel settembre 2016 si è tenuto un incontro interreligioso in occasione della seconda Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato indetta da Papa Francesco, che è stato promosso dalla Conferenza episcopale di Panama, dal Comitato ecumenico di Panama e da un’organizzazione chiamata Dialogo interreligioso di Panama [2].

Nel febbraio 2017 la madre di un bambino rastafariano ha presentato una causa per
discriminazione religiosa contro la scuola di suo figlio. La scuola le aveva detto che le regole dell’istituto richiedono agli studenti di indossare le uniformi e i capelli senza dreadlock (trecce tipiche del movimento). La donna ha affermato che l’acconciatura di suo figlio era una questione di pratica religiosa. Dopo un incontro tra la madre del ragazzo, i rappresentanti della comunità rasta e l’amministrazione scolastica, è stato raggiunto un accordo che ha consentito al bambino di frequentare la scuola senza ulteriori problemi [3].

Nell’aprile 2017 durante la Settimana Santa, il sindaco di Panama ha vietato la vendita di bevande alcoliche nella giornata del Venerdì Santo. Il sindaco ha anche vietato le danze e l’uso di strumenti musicali. La misura intendeva «garantire il rispetto dei principi religiosi dei cittadini» [4]. Nel maggio 2017, una polemica ha seguito la creazione di un nuovo partito politico basato presumibilmente sul Cristianesimo evangelico. È stato affermato che la creazione del partito ha infranto la Costituzione, che dichiara infatti illegale istituire partiti politici basati sull’appartenenza religiosa. Il leader del partito ha tuttavia negato che la formazione abbia un orientamento religioso, sottolineando che i suoi statuti provvisori e la relativa documentazione non contenevano riferimenti a credenze religiose [5].

Dal 2016 un’ondata di violenza ha colpito la provincia di Colón, provocando numerose vittime. Nel marzo 2018, prima che il governo accettasse uno sforzo di mediazione da parte della Chiesa cattolica e del movimento sociale di Colombo con base di Colón, la Conferenza episcopale di Panama aveva lanciato un appello per la pace e la riconciliazione esortando le parti a mantenere un clima di rispetto e tolleranza affinché si potesse intraprendere il dialogo [6].

Nel febbraio 2018 il Comitato organizzatore della Giornata mondiale della gioventù e l’Associazione nazionale per la conservazione della natura hanno firmato un memorandum d’intesa per garantire che l’assistenza ambientale fosse parte della pianificazione e dell’organizzazione della GMG. L’obiettivo è di minimizzare l’impatto dell’evento sull’ambiente. Panama ospiterà la prossima Giornata mondiale della gioventù nel gennaio 2019 [7].

Prospettive per la libertà religiosa

Nel periodo preso in esame da questo rapporto non vi sono state significative deviazioni dai principi di libertà religiosa garantiti dalla Costituzione. Rispetto al periodo precedente, lo stato della libertà di religiosa è migliorato e le prospettive future sembrano positive.

Note / fonti

[1] Costituzione di Panama del 1972 con emendamenti fino al 2004, constituteproject.org,
https://www.constituteproject.org/constitution/Panama_2004.pdf?lang=en,(consultato il 12 maggio 2018).

[2] ‘Diálogo interreligioso se celebra mañana’, La Estrella de Panamá, 31agosto 2016,
http://laestrella.com.pa/panama/nacional/dialogo-interreligioso-celebra-manana/23958853, (consultato il 23aprile2018).

[3] D. Cortez, ‘Le niegan matrícula porque es rastafari’, Crítica, 11febbraio 2017,
https://www.critica.com.pa/provincias/le-niegan-matricula-porque-es-rastafari-464309, (consultato il 10marzo 2018); ‘Comunidad rastafari denuncia violación de derechos humanos’, Telemetro, 16febbraio 2017, http://www.telemetro.com/nacionales/Comunidad-violacion-articulos-Constitucion-discriminacion_0_1000100447.html, (consultato il 23 aprile2018).

[4] Y. Núñez, ‘Alcaldía de Panamá aplicará ‘ley seca’ durante 24 horas’, La Estrella de Panamá, 13aprile 2017, http://laestrella.com.pa/panama/nacional/alcaldia-panama-emite-decreto-motivo-semana-santa/23995941, (consultato l’11marzo2018).

[5] C. Anel Cordero, ‘‘Pais’ no espartido de evangélicos, Álvarez’, La Estrella de Panamá, 8maggio 2017, http://laestrella.com.pa/panama/politica/pais-partido-evangelicos-alvarez/24000331, (consultato il 23 aprile2018).

[6] Comité Permanente de la Conferencia Episcopal Panameña, ‘El diálogo, la consulta y los consensos son necesarios para soluciones en Colón’, 16 marzo 2018, http://iglesia.org.pa/2018 March comunicado-de-la-cep/, (consultato il 29marzo 2018); J. Quiroz, ‘Varela anuncia el envío de 200 policías más para custodiar Colón’, tvn NOTICIAS, 9 maggio 2017, https://www.tvn-2.com/nacionales/Envian-nuevas-unidades-custodiar-Colon_0_4753024709.html, (consultato il 29 marzo 2018); R. Aponte, ‘Hechos delictivos e inseguridad no dan tregua en la provincia de Colón’, tvn NOTICIAS, 17 marzo 2018, https://www.tvn- 2.com/nacionales/Hechos-delictivos-inseguridad-provincia-Colon_0_4987001325.html, (consultato il 29 marzo 2018).

[7] ‘El comité organizador local de la JMJ y ANCON firman convenio’, Arcidiocesi di Panamá, 22febbraio 2018, http://www.arquidiocesisdepanama.org/2018/02/22/comite-organizador-local-la-jmj-ancon-firman- convenio/, (consultato il 29 marzo 2018).

Riguardo a noi

Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACN) è una Fondazione pontificia, Nata nel 1947, ogni anno sostiene più di 6mila progetti in oltre 140 Paesi nel mondo. Attraverso tre pilastri – informazione, preghiera e azione – ACN aiuta i cristiani ovunque essi siano perseguitati, oppressi o in difficoltà.