Religione

16.673.000Popolazione

108.889 Km2Superficie

Leggi il Rapporto
keyboard_arrow_down

homekeyboard_arrow_rightGuatemala

Quadro giuridico relativo alla libertà religiosa ed effettiva applicazione

Il preambolo della Costituzione della Repubblica del Guatemala afferma che la Carta è promulgata «invocando il nome di Dio» [1]. Ai sensi dell’articolo 36, «l’esercizio di tutte le religioni è libero. Ogni persona ha il diritto di praticare la propria religione o il proprio credo, in pubblico e in privato, attraverso l’insegnamento, il culto e l’osservanza, senza altri limiti ad eccezione del rispetto dell’ordine pubblico e al dovuto rispetto per la dignità della gerarchia e dei fedeli delle altre religioni».

L’articolo 37 della Costituzione conferisce il riconoscimento giuridico alla Chiesa cattolica. Riconosce anche le proprietà della Chiesa cattolica come «beni reali che detiene pacificamente per i propri scopi, purché abbiano fatto parte del patrimonio della Chiesa cattolica in passato». In base l’articolo 37, anche altre Chiese o entità religiose possono ottenere il riconoscimento legale «secondo le regole della loro istituzione, e il governo non può negare loro tale diritto, ad eccezione che per ragioni di ordine pubblico». L’articolo 37 afferma inoltre: «I beni reali delle entità religiose designate per il culto, l’educazione e l’assistenza sociale godono di esenzione da tasse, valutazioni e contributi».

Secondo gli articoli 186,197 e 207, i ministri della religione non possono assumere gli incarichi di presidente, vicepresidente o ministro del gabinetto; né possono essere magistrati o giudici.

Secondo l’articolo 71, lo Stato si impegna a fornire istruzione «senza alcuna discriminazione di sorta». Secondo l’articolo 73, «l’educazione religiosa è facoltativa negli istituti pubblici e può essere insegnata durante l’orario normale, senza alcuna discriminazione». Allo stesso modo, lo Stato si impegna a «contribuire al mantenimento dell’educazione religiosa senza alcuna discriminazione».

In base al codice civile, le Chiese che sono riconosciute come entità giuridiche hanno il diritto di acquistare, possedere e disporre di beni, a condizione che questi ultimi siano destinati esclusivamente a scopi religiosi, oppure legati all’assistenza sociale e all’istruzione [2].

Ai sensi del Codice del lavoro, la discriminazione basata sulla religione è vietata negli istituti che si occupano di assistenza sociale, istruzione, cultura, intrattenimento o commercio. I datori di lavoro non sono autorizzati a influenzare le convinzioni religiose dei propri dipendenti. I sindacati possono essere sciolti se può essere provato in un tribunale che essi provocano o istigano conflitti religiosi [3].

Il codice penale impone sanzioni penali a chiunque interrompa le celebrazioni religiose o compia atti che offendano le pratiche religiose o che profanino gli oggetti di culto, i luoghi di preghiera o di sepoltura. Il furto è soggetto a sanzioni penali più severe se gli oggetti rubati sono utilizzati per il culto oppure se hanno un alto significato religioso [4].

Incidenti

Nel luglio 2016, i membri del Comitato di cooperazione interculturale e interreligiosa del Guatemala hanno partecipato a un forum interreligioso presso la Scuola dei dirigenti della gioventù cattolica, per approfondire la propria conoscenza delle altre religioni e forme di spiritualità [5].

Nel settembre 2016, dopo che i pubblici ministeri e la polizia hanno fatto irruzione nei locali della comunità ebraica ultra-ortodossa di Lev Tahor a Città del Guatemala, la comunità si è trasferita a Santa Rosa. Le autorità hanno spiegato che l’operazione è stata eseguita su richiesta del governo di Israele, che era alla ricerca di una ragazza che non era stata autorizzata a lasciare il Paese. La comunità credeva che l’azione rappresentasse una forma di disturbo nei loro confronti a causa delle loro convinzioni. Nel 2014 lo stesso gruppo è stato espulso dalla città Guatamalan di San Juan de La Laguna [6]. Poi, nell’aprile del 2017, un tribunale del dipartimento di Sololá ha condannato l’ex sindaco del comune di San Juan La Laguna a un anno di carcere per il reato di coercizione perché aveva ordinato l’espulsione della comunità [7]. Sempre nell’aprile del 2017, una Corte israeliana ha stabilito che la setta del Lev Tahor in Guatemala era un «culto pericoloso» che abusava dei bambini [8].

Nel febbraio 2017 la comunità maya guatemalteca ha celebrato l’arrivo del nuovo anno [9].

Nello stesso mese la Conferenza episcopale del Guatemala ha espresso preoccupazione per l’arrivo di una nave olandese, “Women on Waves”, che naviga in tutto il mondo per eseguire aborti in Paesi in cui la pratica è illegale. Anche i vescovi locali hanno espresso il loro sostegno al governo per «proteggere e sostenere le leggi del Paese» [10].

Nell’agosto 2017 un sacerdote salvadoregno, padre Juan Carlos Mendoza Alfaro, è stato assassinato a Yupiltepeque, in Guatemala. Secondo le autorità, il religioso è stato intercettato da un gruppo di uomini armati mentre si dirigeva verso la parrocchia che gli era stata assegnata e, nonostante si fosse identificato come un uomo della Chiesa, è stato aggredito e ucciso [11].

Nel mese di marzo 2017, il controllore generale Carlos Mencos ha esortato pubblicamente un sindaco a non proseguire la costruzione di una chiesa cattolica nel villaggio di La Tremendita. La ragione addotta per una tale sollecitazione è stato il fatto che in base alla Costituzione, il Guatemala è uno Stato laico, e quindi le risorse pubbliche non possono essere spese per progetti religiosi. Per il controllore, stanziare fondi per la costruzione di chiese genererebbe conflitti nel Paese, che ospita diverse religioni [12].

Nell’aprile 2017 il Comitato di cooperazione interculturale e interreligiosa del Guatemala si è riunito per pregare. Maya, musulmani, buddisti, baha’i e cristiani, ciascuno secondo la propria fede, hanno pregato insieme per onorare l’eredità di monsignor Juan José Gerardi, vescovo titolare di Guardialfiera e presidente emerito della Conferenza episcopale locale, che era stato assassinato nell’aprile del 1998 [13].

Nel novembre 2017 la Comunità musulmana ahmadi del Guatemala ha tenuto la sua convention annuale. I musulmani ahmadi hanno invitato membri di altre confessioni religiose, incluse le Chiese cattolica, evangelica e mormone [14].

Nel gennaio 2018 la Chiesa cattolica ha espresso preoccupazione e criticato lo Stato per il modo in cui ha affrontato la critica situazione politica e socioeconomica del Paese, che oggi «vive sotto la dittatura della corruzione» [15]. Nel febbraio 2018, l’arcivescovo Óscar Julio Vián, che aveva criticato il sistema politico e la corruzione, è morto di cancro. Il governo ha ordinato tre giorni di lutto [16].

Nel febbraio 2018 la polizia ha ricevuto segnalazioni di tentativi di estorsione ai danni dei membri della chiesa di San Cristóbal a Palín. Come risultato delle intimidazioni, alcune processioni pianificate per la Quaresima e la Settimana Santa sono state cancellate. La Chiesa aveva ricevuto minacce anni prima, ma dopo aver presentato denunce, il tutto era tornato alla normalità [17]. Nello stesso mese, qualcuno ha dato fuoco alla chiesa parrocchiale di San Juan Bautista de Amatitlán, costruita nel 1665. Le fiamme hanno causato danni al campanile e alla cantina, per un costo stimato attorno ai 15.000 quetzal (circa 2.000 dollari americani) [18]. Il colpevole è stato arrestato dalle autorità [19].

Nel febbraio 2018, il presidente guatemalteco Jimmy Morales ha incontrato rappresentanti delle comunità ebraiche ed evangeliche nel Palazzo Nazionale della Cultura [20].

Nel marzo 2018 si è tenuta una conferenza internazionale intitolata “Libertà religiosa, Stato laico e obiezione di coscienza”, promossa dalla Brigham Young University, dall’associazione La Familia Importa (La Famiglia conta) e Manos mormonas que ayudan (Mano mormoni che aiutano), con la partecipazione di studiosi, leader religiosi e funzionari governativi. Il difensore civico per i diritti umani, Jordán Rodas, ha offerto parole di benvenuto e ha sostenuto il diritto all’obiezione di coscienza [21].

Nel marzo 2018 l’associazione La Familia Importa ha presentato una denuncia contro Jordán Rodas, difensore civico per i diritti umani del Paese, per «atti di culto inquietanti» a causa della sua partecipazione a una marcia in occasione della Giornata internazionale della donna. Durante la marcia, un gruppo di donne ha parodiato la Vergine Maria in una finta processione che includeva una «potente vulva». Il pubblico ministero è stato invitato a comparire davanti al Congresso del Paese [22].

Prospettive per la libertà religiosa

Nel periodo in esame non vi sono state violazioni significative del diritto alla libertà religiosa e le autorità hanno agito in base alle preoccupazioni sollevate dai gruppi religiosi. Mentre la crisi politica nel Paese prosegue, varie confessioni religiose continuano a prendere parte ad attività che facilitano il dialogo interreligioso. Il riconoscimento costituzionale della Chiesa cattolica pone quest’ultima in una posizione che è notevolmente diversa da quella di altri gruppi religiosi nel Paese.

Note / fonti

[1] Costituzione del Guatemala del 1985 con emendamenti fino al 1993, constituteproject.org, https://www.constituteproject.org/constitution/Guatemala_1993.pdf?lang=en , (consultato il 25 maggio 2018).

[2] Codice Civile, Guatemala, articoli 15 e 17, http://www.oas.org/dil/esp/Codigo_Civil_Guatemala.pdf , (consultato il 4aprile2018).

[3] Codice del lavoro, Guatemala, articoli 14 bis; 62, d; 226, a, http://biblioteca.oj.gob.gt/digitales/36036.pdf, (consultato il 4 aprile 2018).

[4] CodicePenale, Guatemala, articles 224; 225; 247, 7, 255 bis, http://www.un.org/depts/los/LEGISLATIONANDTREATIES/PDFFILES/GTM_codigo_penal.pdf , (consultato il 4 aprile 2018).

[5] Mesa de Cooperación Intercultural e inter-religiosa de Guatemala, publicaciones, 29 luglio 2016, Facebook Mesa de Cooperación Intercultural e inter-religiosa de Guatemala, https://www.facebook.com/pg/mesa.interreligiosa/posts/?ref=page_internal, (consultato il 30 aprile 2018).

[6] ‘Guatemala: expulsan de San Juan La Laguna a miembros de comunidad judía”, BBC Mundo, 30 agosto 2014, http://www.bbc.com/mundo/ultimas_noticias/2014/08/140829_ultnot_expulsion_miembros_lev_tahor_guatemala_bd, (consultato il 23maggio2018).

[7] ʼCondenan a un año de prisiónconmutable al ex-alcalde de San Juan La Laguna por expulsión de judíos ortodoxos en 2014ʻ, El Periódico, 4 aprile 2017, https://elperiodico.com.gt/nacion/2017/04/04/condenan-a-un-ano-de-prision-conmutable-al-exalcalde-de-san-juan-la-laguna-por-expulsion-de-judios-ortodoxos-en-2014/, (consultato il 2 maggio 2018).

[8] E. Peled, ʼCorte Israelí: secta ultra-ortodoxa de Centro américa es unʻculto peligrosoʼʻ, Enlace Judío, 27aprile 2017, https://www.enlacejudio.com/2017/04/27/corte-israeli-secta-ultra-ortodoxa-centroamerica-culto-peligroso/#prettyphoto/0/, (consultato il 2 maggio 2018).

[9] ‘Alrededor del fuego sagrado los mayas celebran la llegada del año nuevoʻ, Telesur, 22 febbraio 2017, https://www.telesurtv.net/multimedia/Alrededor-del-fuego-sagrado-los-mayas-celebran-la-llegada-del-ano-nuevo-20170222-0035.html, (consultato il 2 maggio 2018).

[10] ‘Obispos de Guatemala contra ‘barcoabortista’’, Religión Digital, 28 febbraio 2017, http://www.periodistadigital.com/religion/america/2017/02/28/los-obispos-de-guatemala-contra-el-barco-abortista-religion-iglesia-aborto-women-waves.shtml, (consultato il 19marzo2018).

[11] ‘Un sacerdote salvadoreño, asesinado en Guatemala’, Religión Digital, 25 agosto 2017, http://www.periodistadigital.com/religion/america/2017/08/25/un-sacerdote-salvadoreno-asesinado-en-guatemala.shtml , (consultato il 19 marzo 2018).

[12] C. Espina, ‘Contralorsolicita a municipalidades a no invertir en iglesias’, El Periódico, 20 March 2017, https://elperiodico.com.gt/nacion/2017/03/20/nota-10-25/, (consultato il 19 marzo 2018).

[13] Mesa de Cooperación Intercultural e inter-religiosa de Guatemala, publicaciones, 28aprile 2017, FacebookMesa de Cooperación Intercultural e inter-religiosa de Guatemala, https://www.facebook.com/pg/mesa.interreligiosa/posts/?ref=page_internal, (consultato il 30aprile2018).

[14] ʻLaIglesiaparticipa en ConvenciónMusulmanaʼ, Sala de prensa de la Iglesia de Jesucristo de los Santos de losÚltimosDías, 21novembre 2017, https://www.saladeprensamormona.gt/articulo/la-iglesia-participa-en-convencion-musulmana, (consultato il 2 maggio 2018).

[15] W. Oliva, ‘Con estasfrases la IglesiaCatólicareprende a lospoderesdel Estado’, PrensaLibre, 19 gennaio 2018, http://www.prensalibre.com/guatemala/politica/con-estas-frases-la-iglesia-catolica-reprende-a-los-poderes-del-estado, (consultato il 19 marzo 2018).

[16] R. Estrada, ‘Fallece el arzobispo Oscar Julio Vian’, El Periódico, 25febbraio 2018, https://elperiodico.com.gt/portada/2018)./02/25/fallece-el-arzobispo-oscar-julio-vian/, (consultato il 19 marzo 2018); ‘Último adios al arzobispoÓscar Julio Vián’, Religión Digital, 25febbraio 2018, http://www.periodistadigital.com/religion/america/2018)./02/25/ultimo-adios-al-arzobispo-oscar-julio-vian-religion-iglesia-dios-jesus-papa-francisco-fe-esperanza-critica-politica-guatemala-corrupcion-gobierno.shtml, (consultato il 19 marzo 2018).

[17] E. Paredes, ‘Iglesia de Palín de nuevorecibeamenazas de extorsionistas y suspendeprocesiones’, PrensaLibre, 19febbraio 2018, http://www.prensalibre.com/ciudades/escuintla/procesiones-suspendidas-palin-escuintla-extorsion, (consultato il 19 marzo 2018).

[18] O. García, ‘Incendioprovocadodañacampanario y bodega de Iglesia de San Juan Bautista de Amatitlán’, PrensaLibre, 6febbraio 2018, http://www.prensalibre.com/ciudades/guatemala/incendio-provocado-daa-campanario-y-bodega-de-iglesia-de-san-juan-bautista-de-amatitlan , (consultato il 19 marzo 2018).

[19] O. García, ‘Incendioprovocadodañacampanario y bodega de Iglesia de San Juan Bautista de Amatitlán’, PrensaLibre, 6febbraio 2018, http://www.prensalibre.com/ciudades/guatemala/incendio-provocado-daa-campanario-y-bodega-de-iglesia-de-san-juan-bautista-de-amatitlan , (consultato il 19 marzo 2018).

[20] ‘CJL. Guatemala: Encuentro con el presidente Jimmy Morales’. ItonGadol.2febbraio 2018, http://itongadol.com/noticias/val/108343/cjl-guatemala-encuentro-con-el-presidente-jimmy-morales.html, (consultato il 27aprile2018).

[21] ‘Participantes de lospaísesCentroamericanosanalizan la libertadreligiosacomoderecho fundamental’, Sala de prensamormona, 9marzo 2018, https://www.saladeprensamormona.gt/articulo/en-defensa-de-la-libertad-religiosa, (consultato l’11maggio 2018; ‘PDH exponeacerca de la importancia del derecho a la libertad de religión’, PDH.ORG, 12marzo 2018, https://www.pdh.org.gt/noticias/noticias/pdh-expone-acerca-de-la-importancia-del-derecho-a-la-libertad-de-religi%C3%B3n.html, (consultato l’11 maggio 2018).

[22] ‘Denuncian al ombudsman guatemaltecoporhaber ‘vulnerado’ a la IglesiaCatólica’, EcoDiario.es, 14marzo 2018, http://ecodiario.eleconomista.es/espana/noticias/9005128/03/18/Denuncian-al-ombudsman-guatemalteco-por-haber-vulnerado-a-la-Iglesia-catolica.html, (consultato il 19 marzo 2018); W. Cumes, ‘Congresocita a procuradorJordánRodas para la próximasemana’, PrensaLibre, 13marzo 2018, http://www.prensalibre.com/guatemala/politica/congreso-cita-a-procurador-jordan-rodas-para-la-proxima-semana, (consultato il 19 marzo 2018).

Riguardo a noi

Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACN) è una Fondazione pontificia, Nata nel 1947, ogni anno sostiene più di 6mila progetti in oltre 140 Paesi nel mondo. Attraverso tre pilastri – informazione, preghiera e azione – ACN aiuta i cristiani ovunque essi siano perseguitati, oppressi o in difficoltà.