Religione

18.132.000Popolazione

756.102 Km2Superficie

Leggi il Rapporto
keyboard_arrow_down

homekeyboard_arrow_rightCile

Quadro giuridico relativo alla libertà religiosa ed effettiva applicazione

La Costituzione 1 afferma che le persone nascono libere e uguali in dignità e diritti. Lo Stato riconosce che «la famiglia è l'unità fondamentale della società» e protegge «i gruppi intermedi» attraverso i quali la società è organizzata e strutturata. L'articolo 1 dichiara che lo Stato è al servizio della persona umana e deve aiutare l'individuo ad ottenere la massima realizzazione spirituale e materiale.

La Costituzione garantisce la libertà di coscienza, l'espressione di tutte le credenze e il libero esercizio di tutte le fedi, purché non si contravvenga alla moralità, alla decenza o all'ordine pubblico. Le organizzazioni religiose sono autorizzate a costruire luoghi di culto in conformità con i requisiti legali in materia di salute e sicurezza. Secondo l'articolo 19 (6), i luoghi di culto e gli altri edifici destinati esclusivamente al culto sono esenti da tasse.

La Costituzione e le leggi del Cile proteggono la libertà religiosa degli oltre 2.000 gruppi religiosi riconosciuti nel Paese. Qualsiasi gruppo religioso può richiedere lo status di organizzazione non-profit. Il Ministero della Giustizia non può rifiutare una richiesta di registrazione, ma può opporsi a qualsiasi richiesta entro 90 giorni se nella domanda vi sono mancanze relative ai prerequisiti legali. Il richiedente ha quindi 60 giorni per opporsi ai punti
formulati dallo Stato o per richiedere un risarcimento in tribunale. Lo Stato non può annullare la registrazione di un'organizzazione religiosa una volta che questa è stata accettata. Ogni gruppo religioso riconosciuto nel Paese può istituire le proprie scuole, club e qualsiasi altra organizzazione.

Le norme relative alla costituzione legale delle Chiese e delle organizzazioni religiose sono stabilite dalla “legge n. 19.638” del 1999, la quale dispone inoltre che nessuno debba essere discriminato sulla base delle proprie convinzioni religiose. La norma sancisce la libertà di religione e di culto, con autonomia e immunità dalla coercizione, in modo che tutti possano liberamente professare la fede religiosa di propria scelta e impegnarsi in atti di culto in pubblico o in privato, individualmente o collettivamente, celebrando funzioni e svolgendo i propri riti o nessuno. È parimenti garantita la libertà per le persone di lasciare la loro religione. Il modo in cui vengono impartite l’educazione o la formazione religiosa, è una decisione che riguarda esclusivamente l’individuo o l’organizzazione in questione 2 . Inoltre, ai sensi della “legge n. 20.609”, esistono misure contro la discriminazione arbitraria, che vietano qualsiasi forma di esclusione o restrizione che manchi di giustificazioni ragionevoli e che causi la privazione, il turbamento o la minaccia del legittimo esercizio dei diritti fondamentali. Ciò si applica in particolare quando queste forme di esclusione o discriminazione sono basate su motivi specifici quali razza, etnia o religione. Il trattamento diversificato è ritenuto ragionevole, tuttavia, quando la persona esercita altri diritti fondamentali legittimi quali la libertà di coscienza, l'espressione di tutte le credenze e il libero esercizio di tutte le religioni 3 . Le leggi del Paese devono tenere conto della Costituzione, e in particolare dei diritti e dei doveri specificati all'articolo 19.

Per quanto riguarda l’aborto, al personale medico è garantito il diritto all'obiezione di coscienza, un diritto che può essere invocato anche dalle istituzioni 4

Incidenti

Nell’ottobre 2016 il deputato del partito comunista Camila Vallejo ha proposto l’eliminazione dell’invocazione del nome di Dio nell’apertura delle sessioni della Camera dei Deputati e delle sue commissioni al fine di garantire la natura laica dello Stato cileno [5].

Nel settembre 2017 l’allora presidente Michelle Bachelet e altri leader politici hanno partecipato a una funzione religiosa di ringraziamento organizzata da un certo numero di Chiese evangeliche per celebrare il Giorno dell’Indipendenza. Durante la cerimonia, alcuni pastori hanno criticato sia l’ex-presidente che le leggi governative sull’aborto e sul matrimonio omosessuale. La Bachelet è stata anche insultata dalla gente riunita fuori dalla chiesa. Il governo ha espresso il proprio disappunto per questo comportamento. In seguito, un vescovo evangelico ha dichiarato che avrebbe inviato una lettera di scuse alla presidente [6].

Nel giugno 2017 il Consiglio consultivo interreligioso dell’Ufficio nazionale degli affari religiosi (Oficina Nacional de Asuntos Religiosos, ONAR) ha pubblicato un Codice Etico per promuovere una cultura di pace, invitando tutte le religioni e le visioni del mondo ad aderirvi [7]. Nel settembre 2017, con il sostegno dell’ONAR, è stata lanciata l’Associazione di dialogo interreligioso per lo sviluppo umano (Asociación de Diálogo Interreligioso para el Desarrollo Humano, ADIR) per promuovere il dialogo interreligioso [8].

Durante il periodo 2016-2018 è stato discusso un progetto di legge per legalizzare l’aborto in tre situazioni specifiche: rischio per la vita della donna, la mancata vitalità del feto e lo stupro. Diverse chiese hanno protestato contro la proposta di legge. Il disegno di legge è stato approvato nel settembre 2017, e comprende il diritto dei medici e di altro personale medico all’obiezione di coscienza. La Corte costituzionale ha stabilito che la legge deve consentire anche alle istituzioni di rivendicare il diritto all’obiezione di coscienza [9]. Nel gennaio 2018 è stato approvato il protocollo per l’obiezione di coscienza da parte di individui e istituzioni. Tuttavia, alle istituzioni che hanno firmato accordi con il Servizio sanitario nazionale per fornire servizi ginecologici e ostetrici, non è consentito esercitare il diritto all’obiezione di coscienza. Due ospedali legati alla Chiesa hanno contestato il protocollo e presentato ricorso. A marzo, dopo l’insediamento del nuovo governo, è stato adottato un nuovo protocollo che ha annullato quello di gennaio; tuttavia, l’Ufficio contabilità generale del Paese ha stabilito che nessuno dei protocolli è conforme alla legge [10].

Durante il periodo in esame, la festa di San Lorenzo e i giorni della visita di Papa Francesco sono stati dichiarati festivi per motivi religiosi [11].

Papa Francesco ha visitato il Cile nel gennaio 2018. La visita del Pontefice si è svolta nel mezzo di una crisi legata a vicende di abusi sessuali che hanno coinvolto la Chiesa e causato l’allontanamento di alcuni fedeli [12]. Durante la visita, il Comune di Iquique ha eretto una croce di dieci metri all’ingresso della città, che ora si erge in memoria della visita del Papa [13] .

Gli attacchi contro le chiese, inclusi diversi incendi dolosi, sono continuati nella regione dell’Araucanía. Nel giugno 2016, durante una funzione in una chiesa evangelica di un distretto rurale, un gruppo di uomini armati è entrato nel luogo di culto e lo ha incendiato. Nell’aprile 2018 due degli uomini coinvolti in questo incidente sono stati arrestati e condannati a 10 anni di carcere [14] . Nel settembre 2017 individui identificati hanno bruciato tre chiese in diverse comunità mapuche [15]. Una serie di attacchi sono avvenuti sia prima che dopo la visita di Papa Francesco, soprattutto contro i luoghi di culto cattolici: nella capitale sono stati segnalati quattro incendi dolosi, mentre altri sette sono avvenuti nell’Araucanía, con sei cappelle cattoliche e una cappella evangelica distrutte. In alcuni casi sono stati trovati opuscoli che si opponevano alla visita papale. Gli attacchi erano legati ai Mapuche, un popolo indigeno che avanza delle rivendicazioni sulla terra [16]. Il presidente cileno Bachelet ha condannato i crimini [17].

Altri attacchi contro le chiese hanno incluso un incidente avvenuto nel giugno 2016, quando uomini incappucciati hanno fatto irruzione in una chiesa nel centro di Santiago, hanno portato in strada un’immagine religiosa del Cristo crocifisso e l’hanno ridotta in pezzi [18]. Nel settembre 2017 è stato condannato un giovane colpevole di aver danneggiato un monumento nazionale e di aver profanato oggetti sacri. Nel luglio 2016 sono state profanate due immagini esterne della Cattedrale di Melipilla e nel gennaio 2018 un gruppo di individui armati è entrato in un santuario di Schoenstatt dove ha minacciato alcune religiose e rubato la corona della Vergine [19].

Durante il periodo in esame, sono state celebrate feste tradizionali religiose, tra cui la Fiesta de la Tirana, che unisce la religione e la visione del mondo andino [20]. Il pellegrinaggio alla Vergine de Lo Vásquez,che si celebra a dicembre, ha richiesto lo spiegamento di personale di polizia e sicurezza stradale. Il santuario si trova a metà strada lungo l’autostrada che collega Santiago a Valparaíso [21]. Nel maggio 2018, la Corte d'Appello di Temuco respinto l’istanza di amparo (protezione) presentata dal detenuto Machi (Sciamano) Celestino Córdova contro la Gendarmeria cilena per avergli negato un permesso necessario a partecipare ad un rituale mapuche [22].

Nel maggio del 2018, è stato riferito che un gruppo di legislatori intendeva presentare una proposta di legge al Congresso che richiedesse ai sacerdoti di denunciare i crimini di cui erano a conoscenza [23].

Prospettive per la libertà religiosa

Durante il periodo in esame, sono continuati gli attacchi contro le Chiese. Nella regione centrale, questi episodi erano apparentemente legati alle critiche contro la Chiesa cattolica. Nell’Araucanía, sembrano essere piuttosto collegati al conflitto per le rivendicazioni sulla terra che coinvolgono il popolo mapuche. Tuttavia, alcuni osservatori ritengono che gruppi estremisti abbiano approfittato di questa questione, nel tentativo di destabilizzare l’ordine sociale. La
maggior parte dei mapuche è composta da cristiani che subiscono numerosi attacchi. Altre azioni violente e non violente sono state segnalate in relazione a questioni religiose, non correlate alla causa mapuche. Questo è indicativo di un clima di intolleranza sia da parte di credenti che dei non credenti. La polizia ha perseguito azioni violente e i tribunali hanno processato diversi casi.

Vi sono anche alcuni segnali positivi rispetto alla tolleranza religiosa. Le feste tradizionali e le celebrazioni religiose ordinarie continuano a svolgersi in pubblico. L’Associazione di dialogo interreligioso per lo sviluppo umano è stata creata con il sostegno del governo. Sebbene gli attacchi contro le chiese siano continuati, la maggior parte di essi si è concentrata in una regione e non è rappresentativa del clima generale di rispetto e convivenza pacifica tra le religioni nel Paese. Fermare gli attacchi contro i luoghi di culto rimane una sfida che lo Stato deve affrontare per garantire la libertà di religione in tutto il Paese.

Note / fonti

[1] Costituzione del Cile del 1980 con emendamenti fino al 2015, constituteproject.org,
https://www.constituteproject.org/constitution/Chile_2015.pdf?lang=en, (consultato il 1° luglio 2018).

[2] Legge n. 19.638 che stabilisce le norme sulla costituzione giuridica delle chiese e delle organizzazioni religiose, Repubblica del Cile, articoli 1, 2, 3, 6, 7 e 20, https://www.
Leychile.cl/Navegar?idNorma=145268&buscar=19638, (consultato il 17 maggio2018).

[3] Legge n. 20.609 che stabilisce misure contro la discriminazione, Repubblica del Cile, articolo 2, https://www. Leychile.cl/Navegar?idNorma=1042092&buscar=20609, (consultato il 17 maggio 2018).

[4] Legge n. 21.030 che regola la depenalizzazione dell'interruzione volontaria della gravidanza nei tre casi, Repubblica del Cile, articolo1, nº 3, https://www.
Leychile.cl/Navegar?idNorma=1108237&buscar=21030, (consultato il 17 maggio2018).

[5] “Proyecto de acuerdo que Modifica el Reglamento de la Cámara de Diputados, para suprimir la invocación a Dios en la apertura de sesiones de Sala y comisiones’”, Centro UC Derecho y Religión, ottobre 2016. http://derechoyreligion.uc.cl/es/docman/boletin-juridico/2016/985-boletin-juridico-octubre- 2016/file, (consultato il 18 marzo 2018).

[6] “Te Deum evangélico: Ceremonia estará centrada en proyecto de matrimonio igualitario y Ley de Aborto”’, T13, 10 settembre 2017, http://www.t13.cl/noticia/nacional/te-deum-evangelico-ceremonia-estara-centrada-proyecto-matrimonio-igualitario-y- Ley-aborto, (consultato il 18 marzo2018); M. C. Romero y J. Peña, “Bachelet en Tedeum Evangélico: Expertosanalizanreacción de la Presidenta por tensa ceremonia”, emol.com, 11 settembre 2017,
http://www.emol.com/noticias/Nacional/2017/09/11/874829/Bachelet-en-Te-Deum-Evangelico-Expertos-analizan-reaccion-de-la-Presidenta-ante-tensa-ceremonia.html, (consultato il 22 maggio 2018); “Obispo evangélico anuncia que enviará carta de desagravio a Bachelet tras Te Deum”, T13, 11 settembre 2017, http://www.t13.cl/noticia/nacional/obispo-evangelico-anuncia-enviara-carta-desagravio-bachelet-te-deum, (consultato il 18 marzo 2018).

[7] Oficina Nacional de Asuntos Religiosos, “Código de Ética para eldiálogo en la convivencia
democrática”, 1ª edizione 2017, Onar.cl, http://www.onar.gob.cl/ce.pdf, (consultato l’11 giugno 2018).

[8] “Lanzamiento de ADIR marca hitohistórico de diálogo interreligioso en Chile”, settembre 2017, adir.cl, http://www.adir.cl/2018/05/17/lanzamiento-de-adir-marca-hito-historico-de-dialogo-interreligioso-en- chile/, (consultato il 1° luglio 2018).

[9] P. Valenzuela y N. Guzmán, “Iglesias Evangélicasreiteranrechazo al aborto y piden recuperar confianza en instituciones”, Economía y Negocios on line, 14 settembre 2015,
http://www.economiaynegocios.cl/noticias/noticias.asp?id=183138, (consultato il 23 maggio 2018); Comité Permanente de la Conferencia Episcopal de Chile, Osservazioni sul "disegno di legge che depenalizza l'interruzione volontaria della gravidanza in tre motivi, 14 agosto 2017, iglesia.cl, http://www.iglesia.cl/documentos_sac/14082017_734pm_59922569e0a65.pdf, (consultato il 23 maggio 2018); “Sentencia del Tribunal Constitucional que aprueba el proyecto de Ley de despenalización voluntario del embarazo en tres causales y rechazare querimiento de inconstitucionalidad presentado por un grupo de Senadores (extracto)”, Bollettino giuridico dell'Osservatorio sulla libertà religiosa dell'America latina e dei Caraibi, Agosto 2017, pp. 34-45, http://derechoyreligion.uc.cl/es/docman/boletin-juridico/2017-1/1163-boletin-juridico-agosto-2017/file, (consultato il 23 maggio 2018); Legge n. 21.030 che regola la depenalizzazione dell'interruzione volontaria della gravidanza in tre motivi (Cile), https://www.Leychile.cl/Navegar?idNorma=1108237&buscar=21030, (consultato il 23 maggio 2018).

[10] “A. Protocolo para la manifestación de objeción de conciencia personal y para la objeción de conciencia invocada por instituciones en el marco de lo dispuesto en elartículo 119 ter del Código Sanitario”, Bollettino giuridico dell'Osservatorio sulla libertà religiosa dell'America latina e dei Caraibi, gennaio 2018, pp. 29-40, http://derechoyreligion.uc.cl/es/docman/boletin-juridico/2018-1/1251-boletin-juridico-enero-2018/file, (consultato il 23 maggio 2018); “A. Recurso de Protecciónpresentado por la Pontificia UniversidadCatólica de Chile contra elMinisterio de Salud…”, pp. 42-46, “C. Recurso de Protección presentado por la Clínica Alemana de Osorno contra el Ministerio de Salud…”, pp. 53-58, “E. Norma Técnica Nacional de ‘Acompañamiento y atención integral a la mujer que se encuentra en alguna de las tres causales que regula la Ley 21.030’ del Ministerio de Salud (extracto)”, pp. 65-69, “F. Nuevo
“Protocolo para la manifestación de objeción de conciencia según lo dispuesto en elartículo 119 ter del Código Sanitario’ que deja sin efecto el Protocolo aprobado el 22 de enero de 2018 (Resolución nº61 exenta)”, pp. 70-78, in Bollettino giuridico dell'Osservatorio sulla libertà religiosa dell'America latina e dei Caraibi, Febbraio-Marzo 2018, http://derechoyreligion.uc.cl/es/docman/boletin-juridico/2018-1/1275-
boletin-juridico-febrero-marzo-2018/file, (consultato il 23 maggio 2018); I. Caro, P. Catena y C. Aninat, “Contraloría anula protocolo de objeción de conciencia por aborto”, 9 maggio 2018,
http://www.latercera.com/nacional/noticia/contraloria-anula-protocolo-objecion-conciencia-
aborto/159245/, (consultato il 1° luglio 2018).

[11] Legge n. 21.051, Repubblica del Cile, articolo unico, https://www.
Leychile.cl/Navegar?idNorma=1112117&buscar=21051, (consultato il 30 maggio 2018); Legge n. 21.065, Repubblica del Cile, articolo unico, https://www.
Leychile.cl/Navegar?idNorma=1113434&buscar=21065, (consultato il 30 maggio 2018).

[12] P. Wächter, “Chile: el viaje que complicó al Papa Francisco”, t13.clSemanal,
http://www.t13.cl/noticia/mundo/semanal/chile-viaje-complico-al-papa-francisco, (consultato il 31 maggio 2018); “¡Hastaluego Francisco! Así fue la visita del Papa por Chile”ʼ, Francisco en Chile.cl, 2018, https://www.franciscoenchile.cl/papa-visita-chile-final, (consultato il 31 maggio 2018).

[13] “Con una cruz de 10 metros recibirán al Pontífice en Iquique”, El Mercurio, 16 gennaio 2018,
http://impresa.elmercurio.com/Pages/NewsDetail.aspx?dt=2018-01-16&PaginaId=4&bodyid=3, (consultato il 17 gennaio 2018).

[14] A. González, “Incendian templo evangélico tras desalojarlo a balazos en Padre Las Casas”, 9 giugno 2016, Biobio Chile, https://www.biobiochile.cl/noticias/nacional/policial/2016/06/09/incendian-templo-
evangelico-tras-desalojarlo-a-balazos-en-padre-las-casas.shtml?fb_comment_id=965533290181889_965548720180346#f306db20945f634, (consultato il 6
giugno 2018); C/Alfredo HerladoTralcal Coche y otros, R.U.C: 1600553093-1, R.I.T: 004/2018,
Tribunaloral en Lo Penal de Temuco, 27 aprile 2018, Bollettino giuridico dell'Osservatorio sulla libertà religiosa dell'America latina e dei Caraibi, aprile2018, pp. 34-40 (estratto),
http://derechoyreligion.uc.cl/es/docman/boletin-juridico/2018-1/1282-boletin-juridico-abril-2018/file, (consultato il 6 giugno 2018).

[15] “Queman tres iglesias en nuevos ataques en La Araucanía”, t13.cl, 20 settembre 2017,
http://www.t13.cl/noticia/nacional/queman-tres-iglesias-nuevos-ataques-araucania, (consultato il 6 giugno 2018).

[16] “Grupo ataca tres iglesias durante la madrugada a días de la visita del Papa a Chile”, t13.cl, 12 gennaio 2018, http://www.t13.cl/noticia/nacional/grupo-ataca-tres-iglesias-madrugada-dias-visita-del-papa-chile, (consultato il 31 maggio 2018); F. Delgado, “Iglesia de Puente Alto sufrió ataque incendiario durante la madrugada”, Biobio Chile, 16 gennaio 2018, https://www.biobiochile.cl/noticias/nacional/region-metropolitana/2018/01/16/iglesia-de-puente-alto-sufrio-ataque-incendiario-durante-la-madrugada.shtml,
(consultato il 31 maggio 2018); V. Fuentes, S. Henríquez y V. Vega, “En medio del despliegue de 4.100 policías queman tresiglesias y una escuela en la IX Región”, 17 gennaio 2018,
http://impresa.elmercurio.com/Pages/NewsDetail.aspx?dt=2018-01-17&dtB=17-01-
2018%200:00:00&PaginaId=7&bodyid=3, (consultato il 17 gennaio 2018).

[17] J.M. Wilson, “Bachelet pide vivir visita en ‘clima de respeto’”, La Segunda, 13 gennaio 2018,
http://impresa.lasegunda.com/2018/01/13/A/TP3ABLT3, (consultato il 31 maggio 2018).

[18] “Encapuchadosroban y destruyen un Cristo de la Iglesia de la GratitudNacional”, T13, 9 giugno 2016, http://www.t13.cl/noticia/nacional/encapuchados-provocan-desmanes-iglesia-gratitud-nacional, (consultato il 18 marzo 2018).

[19] “Comunicado del Obispo de Melipilla ante la profanación de imágenesreligiosas en la Catedral”, BoletínJurídico del Observatorio de libertad religiosa de América Latina y El Caribe, July 2016, pp. 34-35, http://derechoyreligion.uc.cl/es/docman/boletin-juridico/2016/973-boletin-juridico-julio-2016/file, (consultato l’11 giugno2018); T. Cerna y N. Espinoza, “Asaltan Santuario Nacional de Schoenstatt y robanhistórica corona de la Virgen”, El Mercurio, 19 gennaio 2018, http://impresa.elmercurio.com/Pages/NewsDetail.aspx?dt=19-01-
2018%200:00:00&NewsID=544602&dtB=19-01-2018%200:00:00&BodyID=3&PaginaId=13, (consultato il 19 gennaio 2019)

[20] “Fiesta de la Tirana”, http://fiestadelatirana.cl/, (consultato il 7 giugno 2018).

[21] Santuario Purísima de lo Vásquez, http://www.santuariolovasquez.cl/, (consultato il 31 maggio 2018); “Peregrinación a Lo Vásquez: dosdrones se suman a la vigilancia de Carabineros”, 6 dicembre 2017, t13.cl, http://www.t13.cl/noticia/nacional/Plan-de-contingencia-peregrinacion-a-Lo-Vasquez, (consultato il 31 maggio 2018).

[22] “Sentencia de la Corte de Apelaciones de Temuco querechizaelrecurso de amparopresentado por el machi Celestino Córdova –actualmentecondenado a presidio-, contra Gendarmería por negarle elpermiso a salir para participar en ceremonia religiosa (extracto)”, BoletínJurídico del Observatorio de libertad religiosa de América Latina y El Caribe, Maggio 2018, pp. 37-49,
http://derechoyreligion.uc.cl/es/docman/boletin-juridico/2018-1/1288-boletin-juridico-mayo-2018/file, (consultato il 6 giugno 2018).

[23] “Buscanquesacerdotesesténobligados a denunciar losdelitos de loscualestomenconocimiento”, 29 maggio 2018, CNN Chile,http://www.cnnchile.com/noticia/2018/05/29/buscan-que-sacerdotes-esten-
obligados-denunciar-los-delitos-de-los-cuales-tomen, (consultato il 6 giugno 2018).

Riguardo a noi

Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACN) è una Fondazione pontificia, Nata nel 1947, ogni anno sostiene più di 6mila progetti in oltre 140 Paesi nel mondo. Attraverso tre pilastri – informazione, preghiera e azione – ACN aiuta i cristiani ovunque essi siano perseguitati, oppressi o in difficoltà.