Sacerdote sequestrato assieme ad altri parrocchiani della cattedrale

homekeyboard_arrow_rightCASE STUDY keyboard_arrow_rightFILIPPINE IT

FILIPPINE
CASE STUDY

Maggio 2017

padre Teresito “Chito” Soganob, il vicario generale di Marawi è stato rapito da estremisti islamici militanti assieme a membri del personale della cattedrale di St Mary.

St Mary’s è stata gravemente danneggiata dagli estremisti che si sono filmati mentre profanavano il luogo di culto.

Il sequestro di padre Soganob ha segnato l’inizio dell’assedio di Marawi, che è proseguito fino all’ottobre 2017. I militanti del gruppo Maute, affiliato allo Stato Islamico (ISIS), hanno svolto un ruolo di primo piano in un conflitto che ha coinvolto anche altri jihadisti.

Durante i suoi quattro mesi di prigionia, padre Soganob ha assistito alla decapitazione di un altro prigioniero cristiano. I jihadisti hanno anche costretto il sacerdote e altri ostaggi a convertirsi all’Islam e a trasportare armi durante l’assedio. Dopo il rilascio padre Soganob e degli altri ostaggi in quel momento, il vescovo Edwin de la Peña di Marawi ha affermato che la loro non era una «conversione completa», dal momento che era avvenuta sotto coercizione.

Quando è terminata l’occupazione da parte del Maute, il bilancio delle vittime è stato di 974 militanti, 168 impiegati governativi e 87 civili. Migliaia di famiglie sono rimaste sfollate in quella che è stata più lunga battaglia urbana avvenuta nelle Filippine dalla seconda guerra mondiale.

Il vescovo de la Peña ha dichiarato che l’assedio di Marawi da parte del Maute aveva diviso la comunità musulmana locale; alcuni musulmani hanno sfidato gli estremisti proteggendo i cristiani. Dopo le atroci violenze, secondo il vescovo la priorità della Chiesa è quella di ristabilire la fiducia all’interno della città. I passi per ripristinare le relazioni tra le diverse comunità di fede includono la fornitura di aiuti di emergenza per gli sfollati, l’impegno di numerosi studenti universitari che visitano i rifugiati per offrire loro supporto, ed un nuovo centro di riabilitazione che offre assistenza psicologica ai cristiani e ai musulmani che sono stati rapiti dagli estremisti.

Fonti

Aiuto alla Chiesa che Soffre (Regno Unito) Notizie, 19 aprile 2018; Philippine Daily Inquirer, 4 luglio 2017; Asia News, 13 gennaio 2018.

Riguardo a noi

Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACN) è una Fondazione pontificia, Nata nel 1947, ogni anno sostiene più di 6mila progetti in oltre 140 Paesi nel mondo. Attraverso tre pilastri – informazione, preghiera e azione – ACN aiuta i cristiani ovunque essi siano perseguitati, oppressi o in difficoltà.